Torna su Sky TG24 con il quarto e ultimo episodio “Red Zones”, la prima docu-serie sulla pandemia, realizzata da Luca Vullo ed Emanuele Galloni, con la regia di Luca Vullo e coprodotta da Ondemotive Productions Ltd & Videoplugger Ltd. La puntata andrà in onda domenica 14 giugno alle 16.30 e alle 21 su Sky TG24. La serie mostra le “zone rosse” del mondo, attraverso gli occhi di persone comuni e personaggi noti, che raccontano come le loro vite siano state travolte dalla pandemia e dal lockdown. Nel quarto appuntamento, “Resalio”: “La crisi sanitaria ha ‘paralizzato’ la nostra libertà personale e mutato le abitudini di consumo e di vita, facendo emergere ancora di più alcune fragilità e contraddizioni del sistema economico. Seppur ancora nell’incertezza, l’Italia della “nuova normalità” si trova a una svolta nella relazione tra economia e società in cui la resilienza rappresenta lo strumento più forte per la ripartenza”. Tra gli intervistati autori, sportivi, artisti ed esponenti del mondo del lavoro: tra questi Filippo Inzaghi, Giovanni Soldini, Anna Pettinelli, Danika Mori, Giusy Versace, Milton Fernández, Daniela Lucangeli. Ma anche lavoratori, manager e protagonisti dei settori più esposti, che accettano nuove sfide e compiono scelte cruciali, nonostante la paura e il clima di incertezza. Quel lavoro fondamentale per vivere anche quando mette a rischio la salute, come ci ricorda l’attore Michele Riondino, paragonando la situazione attuale a quella dell’Ex Ilva di Taranto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crozza si sdoppia in Fontana-Gallera mentre parlano del “caso Report”. L’assessore: “Attilio è un signore, le donazioni si fanno ma non si dicono”

next
Articolo Successivo

Crozza veste i panni di Matteo Salvini nostalgico degli anni ’80: “Posso dire che preferivo As Fidanken di ‘Drive In’ ad Angela Merkel?”

next