Torna su Sky TG24 con il quarto e ultimo episodio “Red Zones”, la prima docu-serie sulla pandemia, realizzata da Luca Vullo ed Emanuele Galloni, con la regia di Luca Vullo e coprodotta da Ondemotive Productions Ltd & Videoplugger Ltd. La puntata andrà in onda domenica 14 giugno alle 16.30 e alle 21 su Sky TG24. La serie mostra le “zone rosse” del mondo, attraverso gli occhi di persone comuni e personaggi noti, che raccontano come le loro vite siano state travolte dalla pandemia e dal lockdown. Nel quarto appuntamento, “Resalio”: “La crisi sanitaria ha ‘paralizzato’ la nostra libertà personale e mutato le abitudini di consumo e di vita, facendo emergere ancora di più alcune fragilità e contraddizioni del sistema economico. Seppur ancora nell’incertezza, l’Italia della “nuova normalità” si trova a una svolta nella relazione tra economia e società in cui la resilienza rappresenta lo strumento più forte per la ripartenza”. Tra gli intervistati autori, sportivi, artisti ed esponenti del mondo del lavoro: tra questi Filippo Inzaghi, Giovanni Soldini, Anna Pettinelli, Danika Mori, Giusy Versace, Milton Fernández, Daniela Lucangeli. Ma anche lavoratori, manager e protagonisti dei settori più esposti, che accettano nuove sfide e compiono scelte cruciali, nonostante la paura e il clima di incertezza. Quel lavoro fondamentale per vivere anche quando mette a rischio la salute, come ci ricorda l’attore Michele Riondino, paragonando la situazione attuale a quella dell’Ex Ilva di Taranto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crozza si sdoppia in Fontana-Gallera mentre parlano del “caso Report”. L’assessore: “Attilio è un signore, le donazioni si fanno ma non si dicono”

next
Articolo Successivo

Crozza veste i panni di Matteo Salvini nostalgico degli anni ’80: “Posso dire che preferivo As Fidanken di ‘Drive In’ ad Angela Merkel?”

next