È stato ferito con un oggetto a punta conficcato nella parte superiore sinistra dell’addome, fino a raggiungere il cuore. Così, secondo l’autopsia, è morto Rafiki, un gorilla di montagna dell’Uganda tra i più noti al mondo. Secondo quanto riportato dalla Bbc, per l’Uganda Wildlife Authority (Uwa), l’uccisione di Rafiki è “un duro colpo” perché si tratta di una specie in via di estinzione: ne restano poco più di mille. L’Uwa ha scoperto che a uccidere il gorilla sono stati quattro bracconieri che rischiano l’ergastolo e una multa fino a 5,4 milioni di dollari. Uno degli accusati ha dichiarato di aver ucciso Rafiki per legittima difesa ma secondo gli inquirenti si è trattato di caccia per vendita sul mercato nero. Rafiki aveva 24 anni ed era il capo branco di 17 gorilla. “Il gruppo al momento non ha una leadership e il capo potrebbe essere sostituito da un gorilla selvaggio”, ha spiegato un membro dell’Uwa. A guidare i gorilla che avevano Rafiki come “re” potrebbe quindi essere un gorilla selvaggio il che allontanerebbe il gruppo dall’uomo che ora può ammirare i gorilla nel Parco naturale Bwindi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Postalmarket, torna il mitico catalogo ma in una versione online: “Sarà l’Amazon italiano”

next
Articolo Successivo

“Ho scoperto su Instagram che aveva un’altra famiglia. Una botta fortissima”: l’ex Miss racconta

next