L’ex boss della mala del Brenta Felice Maniero è stato condannato a quattro anni di carcere dal Tribunale di Brescia per maltrattamenti sulla compagna. Maniero ha rinunciato a collegarsi dal carcere di Voghera dove è detenuto “per motivi di salute”. Il giudice ha così rinviato la lettura della sentenza disponendo una verifica in carcere delle condizioni dell’ex boss 66enne ma il verdetto del medico è stato inequivocabile: “Sintomatologia pretestuosa“, ha stabilito, e così si è proceduto con la sentenza di condanna a quattro anni di carcere per maltrattamenti fisici e psicologici sulla compagna Marta Bisello, al suo fianco per 26 anni, e per intralcio alla giustizia, per avere tentato di far pressioni sui figli affinché facessero ritrattare la madre.

“Sono soddisfatta” si limite a dire l’avvocato Giordana Giacobbo, legale di parte civile. Poteva andare molto peggio a Maniero – in cella da ottobre scorso dopo l’arresto a Brescia, città dove viveva con una nuova identità – considerando che il pm Lorena Ghibaudo aveva chiesto una condanna a sei anni e otto mesi, che sarebbero stati dieci se ‘Faccia d’angelo’ non avesse scelto il rito abbreviato. Ma in aula nell’ultimo atto del processo di primo grado all’ex boss della mala Brenta non c’erano l’accusato e nemmeno l’accusatrice. Assente Marta Bisello, mentre Felice Maniero non si è collegato dal carcere di Voghera. “Per motivi di salute” ha fatto sapere. Una giustificazione che aveva spinto in mattina il presidente Roberto Spanò a chiedere una vista medica in cella per valutare le reali condizioni di salute dell’imputato. La sentenza, prevista per le dieci, è slittata alle 13 dopo il parere medico che ha di fatto dato il via libera al giudice.

“Le richieste dell’accusa sono state ridimensionate in termini di pena. Ci aspettavamo una condanna comunque meno pesante anche se accogliamo positivamente la derubricazione di alcuni reati” ha commentato l’avvocato Luca Broli, legale di Maniero, che sui presunti problemi psichiatrici del suo assistito ha detto: “Da mesi chiede un intervento di supporto psichiatrico che dice non aver mai ricevuto. Lo sappiamo noi e anche in sede processuale lo abbiamo fatto presente”. Va detto che anche Marta Bisello, compagna di una vita e poi grande accusatrice, il 23 agosto 2019 sentita dalla Polizia disse: “Maniero è affetto da molti anni da patologie psichiatriche ed è da sempre seguito da specialisti del ramo”. Quello di oggi è stato solamente l’ultimo colpo di scena firmato dall’ex boss del Brenta che aveva anche tentato di ricusare il giudice, attraverso un’istanza scritta di suo pugno dal carcere, e rigettata. “Questi continui show sicuramente non lo hanno aiutato” spiega il suo secondo legale, l’avvocato Pietro Paolo Pettenadu, nominato nelle ultime settimane.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giustizia, Grasso a Sono le Venti (Nove): “Favorevole a escludere parlamentari in carica dall’elezione a membri laici del Csm”

next
Articolo Successivo

Riciclaggio, sequestrati al broker Jelmoni villa in Sardegna e quadri di Picasso. “Accumulava proventi illeciti in un trust del Jersey”

next