“Non voglio declamare opere immaginifiche. Non a caso ho parlato di una rete infrastrutturale-viaria che è inaccettabile. C’è tanto da fare e quando avremo la possibilità di programmare e realizzare i progetti che ho citato (infrastrutture in Sicilia e in Basilicata, collegamenti tra Roma e Pescara, alta velocità a Venezia, ndr), mi sederò a un tavolo e senza pregiudizi valuterò anche il ponte sullo Stretto“. Risponde così il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a chi in conferenza stampa gli chiedeva se avesse valutato di programmare i lavori sullo Stretto di Messina. Due giorni fa Matteo Renzi aveva dichiarato che serviva più del reddito d’emergenza per sconfiggere la povertà. Concetto ribadito oggi: “Costa più non farlo che farlo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Confindustria, Conte: “Governo più dannoso del virus? Dal presidente Bonomi uscita infelice, ma ascolteremo anche lui”

next
Articolo Successivo

Conte al centrodestra: “Critica al governo è comprensibile, ma si faccia rispettando le regole. Se dagli assembramenti nascessero focolai?”

next