Sandra Milo avrebbe dovuto essere con noi ma ha avuto un malore“, ad annunciarlo Lorella Cuccarini nel corso de La Vita in Diretta. In trasmissione è intervenuta la giornalista Debora Ergas, figlia di Sandra Milo e del produttore cinematografico di origine greca Moris Ergas, da anni inviata dello storico contenitore del servizio pubblico: “Mamma adesso sta riposando ha avuto un malore ieri sera, è venuto il medico, poi stamattina ha mangiato qualcosina, ha avuto un forte stress psicologico. Ieri è stata a Largo Chigi ed è stata ricevuta da Conte, molte ore sotto il sole per questo sit-in con il caldo. Veniva da diversi giorni di sciopero della fame. Tutte queste cose hanno provocato un malore, adesso il medico le ha imposto riposo assoluto”, ha dichiarato la Ergas.

Nei giorni scorsi l’attrice, che sulla carta d’identità segna 87 anni, ha iniziato lo sciopero della fame per chiedere un sostegno concreto per i lavoratori del mondo dello spettacolo. Aveva ricevuto una telefonata dal premier Giuseppe Conte: “Io pensavo fosse uno scherzo e Conte mi ha dato il numero del centralino di Palazzo Chigi dove chiamarlo: era davvero il premier. Mi ha detto che non sopportava l’idea che io facessi lo sciopero della fame, è stato bellissimo. Ho capito davvero la sua umanità. E’ stato emozionante, bellissimo, ho pensato che per una volta la politica avesse ritrovato un volto umano”, aveva dichiarato a Un Giorno da Pecora.

La Milo però, a sorpresa, si era incatenata davanti a Palazzo Chigi chiedendo di essere ricevuta dal Premier per un confronto faccia a faccia. Con lei una troupe de Le Iene, Conte aveva concesso l’incontro e la musa di Fellini a caldo aveva commentato all‘Adnkronos: “Sono uscita con il cuore sollevato perché mi sono detta: ‘C’è qualcuno che pensa seriamente a noi. E’ andata molto bene, il Presidente ha preso atto delle richieste, io gli ho parlato molto degli artisti, del nostro campo e lui ha detto che si interesserà e farà il possibile. Conte è una persona molto attenta anche da un punto di vista umano, è una cosa che ho sentito a pelle, la mia sensazione è che sia una persona che ha molto amore per il suo paese! Ha detto che penserà a tutti quanti. Mi ha detto che bisogna stare attenti alla salute ma io gli ho detto che noi dobbiamo lavorare sennò come facciamo? Ho spiegato che i sussidi per lo spettacolo sono arrivati a poca gente e gli ho spiegato che non parlavo di me che ho la pensione ma dei miei figli, dei tantissimi colleghi a cui non è arrivato niente.”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maria De Filippi sfreccia in monopattino per i corridoi di Mediaset: “Lo ha rubato a Stash”

next
Articolo Successivo

Antonio Razzi sbarca su TikTok: l’ex senatore si scatena nel suo primo balletto

next