La notizia è riportata dai diversi media in lingua araba ed è annunciata dai servizi segreti dell’Iraq. Abdul Nasser Qardash sarebbe stato arrestato dagli 007. L’uomo è uno dei principali candidati alla successione di Abu Bakr al Baghdadi, il leader dell’Isis morto in seguito ad un blitz delle forze americane in Siria il 26 ottobre scorso. “L’arresto) è arrivato dopo un’accurata operazione di intelligence” recita la nota riportata da al Arabiya. Il leader attuale dello Stato islamico sarebbe Abu Ibrahim al-Hashimi al-Qurashi. Secondo l’agenzia di stampa irachena Ina, che cita una fonte della sicurezza, Qardash è un importante leader del gruppo terroristico, già membro di al Qaeda in Iraq con Abu Musab al-Zarqawi. L’intelligence di Baghdad ritiene che abbia guidato personalmente nei mesi scorsi la battaglia dell’Isis per mantenere il controllo della città siriana di Al-Baghuz.

Il dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ritiene che Qardash (a destra nella foto), il cui vero nome sarebbe Muhammad Saeed Abdurrahman Muhammad al-Mawla, sia tra i principali ideologi dello Stato islamico e che sia coinvolto nel genocidio della minoranza yazida commesso in Iraq nel 2014 e nelle operazioni del gruppo all’estero. L’ultimo attacco che ha portato alla cattura e all’arresto di Qardash arriva un mese dopo che Mustafa al-Kadhimi, ex capo dell’intelligence irachena, è diventato il primo ministro del Paese.

Conosciuto col nome di battaglia di Hajji Abdullah al-Afari di Qardash si sa poco, anche se i punti in comune con al-Baghdadi non sono pochi. Anche lui è iracheno, originario di Tal Afar, città a circa 80 chilometri da Mosul, vicina al confine con la Siria, e, secondo diverse fonti, figlio di un predicatore sunnita. Anche lui, come il defunto leader, è un profondo conoscitore dei testi sacri, oggetto dei suoi studi universitari. La sua vita prima di abbracciare il terrorismo islamista è simile a quella di molti altri componenti di Daesh e al-Qaeda in Iraq: ex ufficiale dell’esercito iracheno sotto la presidenza di Saddam Hussein, fa parte di quella schiera di soldati ex baathisti che hanno poi messo a disposizione di Isis le loro capacità militari, tattiche e le armi dell’esercito.

Di lui si sa poco, anche se i punti in comune con al-Baghdadi non sono pochi. Anche lui è iracheno, originario di Tal Afar, città a circa 80 chilometri da Mosul, vicina al confine con la Siria, e, secondo diverse fonti, figlio di un predicatore sunnita. Anche lui, come il defunto leader, è un profondo conoscitore dei testi sacri, oggetto dei suoi studi universitari. La sua vita prima di abbracciare il terrorismo islamista è simile a quella di molti altri componenti di Daesh e al-Qaeda in Iraq: ex ufficiale dell’esercito iracheno sotto la presidenza di Saddam Hussein, fa parte di quella schiera di soldati ex baathisti che hanno poi messo a disposizione di Isis le loro capacità militari, tattiche e le armi dell’esercito.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Trump: “La Cina l’unica responsabile del Covid. Usa primo Paese al mondo per contagi? Un distintivo d’onore”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la guerra della Cina per tenere Taiwan fuori dall’Oms: ecco perché Pechino cerca di insabbiare le scoperte di Taipei sul Covid

next