Tieni pure il resto. Siete rimasti chiusi 50 giorni. È il minimo che io possa fare”. Così ha detto un cliente al gestore di un bar di Marsala, in Sicilia, pagando il caffè che aveva appena preso con una banconota da 50 euro. Per lui, avventore abituale di quel locale, era il primo caffè dopo il lungo lockdown imposto dall’emergenza coronavirus e così ha deciso di rifiutare il resto offertogli per quel caffè che da listino costa 0,80 centesimi. “Sono una persona fortunata – ha spiegato l’uomo al gestore del bar -. Ho uno stipendio da dipendente pubblico che è pagato dalle tasse che anche tu versi, a domani”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, l’Anses mette in guardia sull’uso di integratori a base di piante medicinali. Il dottor Fabio Firenzuoli: “Nessun pericolo, benefici provati scientificamente”

next
Articolo Successivo

Tommaso Paradiso contro Matteo Salvini: “La manifestazione del 2 giugno è una ca*ata pazzesca. Ennesima manovra populista per inferocire gli animi”

next