I luoghi della cultura italiani possono riaprire ufficialmente lunedì 18 maggio, una data speciale: si celebra infatti la Giornata Internazionale dei Musei, nata nel 1977. A festeggiarla con le porte aperte i musei Vaticani, la Galleria Borghese a Roma e il Bosco di Capodimonte a Napoli. Ci vorrà qualche giorno in più invece per i musei milanesi, fiorentini, torinesi e veneziani.

Roma: pronti musei Vaticani e Galleria Borghese
Ai blocchi di partenza ci sono la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, i musei Vaticani e la Galleria Borghese. Martedì tocca invece ai Musei Capitolini, al Maxxi (Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo) e al Palazzo delle Esposizioni. Il 28 maggio sarà il turno del Colosseo, come riporta Il Messaggero. Attenderanno invece la festa della Repubblica l’Ara Pacis, i Mercati di Traiano, i Fori Imperiali, la Galleria d’Arte Moderna e altre strutture. Mentre il Museo nazionale etrusco di Villa Giulia dovrà aspettare una settimana in più.

A Milano riaprono il Castello Sforzesco e il Museo di Storia Naturale
Pronti alla ripartenza da martedì il museo del Castello Sforzesco, il Museo di Storia Naturale e la Galleria di Arte Moderna. Sono invece intenzionati ad aprire le porte per il primo weekend dopo il lockdown il Museo del Novecento, il Museo Civico Archeologico e il Museo delle Culture (MUDEC). Il 28 sarà la volta di Palazzo Reale mentre la Pinacoteca di Brera e il Cenacolo, come riporta Il Giorno, stanno organizzando una nuova ripartenza seguendo le nuove misure per evitare il contagio.

Riapre anche il Parco Archeologico di Paestum
Pronti a ripartire i luoghi della cultura a Napoli. Da lunedì 18 maggio riaprono il Museo Madre, il Pio Monte della Misericordia e il Bosco di Capodimonte. Tuttavia, le opere d’arte racchiuse nell’omonimo museo saranno visibili solamente dal 2 giugno. Riaccoglie i visitatori da lunedì 18 maggio anche il Parco Archeologico di Paestum. Gli scavi di Pompei riapriranno invece il 26 maggio.

A Firenze aperture dal 22 maggio. Venezia: riapre San Marco (ma solo per pregare)
Ripartenza in vista anche per Firenze: venerdì 22 maggio riaprirà il giardino di Boboli. Pronti a ripartire anche gli Uffizi (dopo lo sbarco su Facebook e su TikTok durante la quarantena), Palazzo Pitti e il Museo di San Marco. Ancora incerta la data per il museo del Bargello mentre la Galleria dell’Accademia aspetterà la Festa della Repubblica. La stessa data varrà come D-day di alcuni famosi musei di Torino: Palazzo Reale, Armeria Reale e Museo Egizio. Per concludere, a Venezia lunedì 18 maggio riapre la Basilica di San Marco anche se sarà accessibile solo ai fedeli. Per il Palazzo Ducale bisognerà attendere il primo giugno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, riaperture dal 18 maggio: ecco il testo integrale del Dpcm firmato da Conte

next
Articolo Successivo

Fase 2, il giorno della ripartenza. Traffico, più presenze su treni e mezzi pubblici e prime colazioni al bar. Ma qualcuno decide di non riaprire

next