di Margherita Cavallaro

Mentre affronto l’apocalisse zombie in pigiama e tra una crisi di panico a lavoro e l’altra, ho pensato che non sarebbe male smetterla di procrastinare e allietare i lettori con un nuovo blog. In realtà era da qualche mese che mi veniva chiesto di scrivere delle zone Lgbt-free in Polonia, ma non l’ho mai fatto finora perché non riuscivo a trovare nulla di costruttivo o originale da dire al riguardo.

Questa quarantena e le reazioni che ha suscitato, però, mi hanno folgorato sulla via di Damasco. Per qualche motivo, quando mi sono messa a pensare “Ma possibile che la gente non capisca che se ne deve stare a casa?” il mio cervello ha immediatamente associato il “Ma che bisogno hanno i gay di ostentare? Se ne stessero a casa loro!”. Giustamente le due cose sono molto diverse, ma analizziamo un attimo la situazione per capire perché il mio cervello le abbia associate.

Prima però promettetemi una cosa, a scanso di equivoci: l’unica cosa su cui vi voglio portare a riflettere sono le sensazioni e le reazioni al vivere in condizione di sospensione dei diritti civili. Evitiamoci sterili discussioni idiote sul tema malattia e omosessualità perché non c’entra assolutamente niente con quanto seguirà, né questo vuole essere un tentativo di fare a gara a chi sta peggio. Io ve l’ho detto: vai regia!

Gli italiani sono stati istruiti di rimanere in casa ed evitare comuni interazioni sociali, prima con le buone e poi con le cattive. In altre parole, gli è stata imposta una restrizione che loro vedono come una lesione dei loro normali diritti. Qual è stata la loro reazione? Prima se ne sono fregati, poi hanno protestato, poi hanno iniziato a metter musica e a fare festa dai loro balconi, poi hanno creato manifestazioni organizzate di speranza e orgoglio per quello che sono nonostante non possano andare ad esserlo fuori. Parallelamente a questo ci sono sempre stati quelli che hanno continuato a fregarsene e quelli che, invece, hanno fatto finta di essere altro e si sono spacciati per fanatici dello sport. Ancora non vi dice niente?

Veniamo dunque al 4 maggio, giornata sacra per tutti i fan di Star Wars e fatidico giorno da cui tutti possono, all’interno della regione, andare a trovare i propri affetti stabili. Con quanta religiosità avete seguito gli sviluppi delle discussioni sui provvedimenti e sulla fase 2? Con quanta trepidazione vi siete appesi alle labbra di Conte, sperando che fosse abbastanza clemente con voi da permettervi di tornare a lavorare, di uscire in due tenendovi per mano, o semplicemente riottenere il diritto di andare a trovare il/la vostro/a partner senza mentire a riguardo o avere paura di essere fermati dalla polizia?

Con quanto giubilo festeggerete il poter tornare liberamente a lavorare, ad avere e battezzare figli, a sposarvi? Vorrete forse scendere in piazza con la musica, a ballare insieme per festeggiare il poter essere fuori in libertà? Vorrete ricordarvi di questi strani giorni e commemorare quanti sono morti, uccisi da qualcosa che non riuscivate a combattere, mentre voi eravate prigionieri in casa vostra? Ancora niente?

Ve lo dico io: questa è la condizione in cui noi persone Lgbt+ abbiamo vissuto per secoli e in cui in nazioni come la Polonia ancora viviamo. Per voi non poter uscire a fare cose “normali” e dipendere dalla clemenza di un governo per avere diritti fondamentali è una novità, mentre per molti di noi questa è l’unica realtà che si abbia mai conosciuto. Ora potete capire come ci si sente. L’unica differenza, ed è una differenza colossale e fondamentale, è che a voi questa condizione è stata richiesta come atto di civiltà per salvare delle vite, mentre noi questa consolazione non l’abbiamo mai avuta. A noi questa condizione è stata imposta solo perché tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri ed è quindi una restrizione fondamentalmente immorale e incivile.

Che sia chiaro: non sto scrivendo questo blog per dirvi “vi sta bene”. Lo sto scrivendo perché spero che la prossima volta che vi chiederete perché abbiamo bisogno di “ostentare”, di baciarci e tenerci la mano in pubblico, di festeggiare il Pride, di avere i nostri club, di avere la libertà di ufficializzare le nostre relazioni, di avere i nostri figli riconosciuti e di poter fare il nostro lavoro senza nasconderci, riuscirete a darvi la risposta da soli.

Questo blog non l’ho scritto per farvi sentire in colpa, ma nella speranza che adesso riuscirete a capire la nostra condizione storica e a vederci con un po’ di empatia. In fondo siamo tutti italiani e ce la faremo. Insieme.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Papa Francesco: “Crisi occasione per restituire dignità ai braccianti agricoli, tra cui tanti migranti, sfruttati nelle campagne”

next
Articolo Successivo

Disabili, centri diurni verso la riapertura: “Le famiglie aspettano con ansia, l’isolamento è un calvario”. Ma servono i protocolli: “Ora sanificazioni e tamponi a tutti per evitare focolai”

next