I braccianti agricoli “tante volte” vengono “duramente sfruttati”, ma “la dignità delle persone va sempre rispettata”. Papa Francesco, accogliendo un appello ricevuto in occasione del Primo Maggio, invita “a fare della crisi l’occasione per rimettere al centro la dignità della persona e del lavoro”.

Al termine dell’udienza generale del mercoledì, il pontefice spiega di aver ricevuto diversi messaggi riferiti al mondo del lavoro e ai suoi problemi: “In particolare, mi ha colpito quello dei braccianti agricoli, tra cui molti immigrati, che lavorano nelle campagne italiane. Purtroppo tante volte vengono duramente sfruttati. È vero che c’è crisi per tutti, ma la dignità delle persone va sempre rispettata”, ha detto Bergoglio.

Un tema, quello dei braccianti agricoli e della loro regolarizzazione, che sta tenendo banco anche nella politica in vista del decreto Maggio, con la discussione interna alla maggioranza sul come far emergere il lavoro nero nei campi e i migranti irregolari che vengono sfruttati per la raccolta di frutta e verdura. “Accolgo l’appello di questi lavoratori e di tutti i lavoratori sfruttati – ha concluso Bergoglio – e invito a fare della crisi l’occasione per rimettere al centro la dignità della persona e del lavoro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, i carabinieri ai pm di Milano: “Sporadiche consegne di mascherine ai rider da parte di Deliveroo e Glovo”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, ora sapete come ci si sente a vivere relegati

next