La situazione resta seria e non si può assolutamente sottovalutare. I dati non possono essere letti in un solo giorno ma vanno visti in un arco di tempo un po’ più lungo. Ed è evidente che le misure adottate stanno iniziando a dare qualche primo risultato. La direzione è quella giusta, ma guai a pensare che il nemico sia stato sconfitto”. Sono le parole del ministro della Salute, Roberto Speranza, intervenuto a “Dimartedì”, su La7.

“Siamo ancora nel pieno di questa battaglia – spiega – e dobbiamo continuare a mantenere comportamenti rigorosi. In questo momento l’arma che abbiamo in mano è quella del distanziamento sociale e del rispetto delle regole, perché, ahimè, nonostante tutti gli sforzi della comunità scientifica internazionale, al momento non ci sono certezze, né di terapie, né di vaccini. Quindi, dobbiamo continuare a insistere su questo terreno, come abbiamo fatto nelle ultime settimane”.

E annuncia: “L’R0, cioè l’indice di contagiosità, da quello che ci hanno comunicato i nostri scienziati, molto probabilmente è leggermente sotto il dato 1. E questo è un risultato straordinario, se si pensa che solo poche settimane fa eravamo oltre il 3 e in alcune aree del Paese eravamo addirittura arrivati a 4. Questo dato ci consegna una novità, e cioè che le misure hanno funzionato e finalmente possiamo provare a programmare il futuro. Programmare il futuro è giustissimo, ma dobbiamo farlo coi piedi ben piantati per terra, nella consapevolezza che la sfida non è vinta e che dobbiamo continuare a rispettare le regole e a mantenere il massimo del rigore”.

Speranza aggiunge: “Basta poco per rovinare il lavoro fatto finora. Bastano tempi sbagliati, atteggiamenti errati, qualche leggerezza, un ottimismo eccessivo e rischiamo immediatamente di vanificare tutto quello che abbiamo fatto finora. Credo che in questo momento l’atteggiamento giusto sia duplice: iniziare a programmare il domani, cosa che stiamo già facendo da giorni, e nello stesso tempo non abbassare la guardia neanche per un istante. Siamo nel pieno di questa sfida e non dobbiamo farci illusioni. Nella fase due dovremo convivere con il virus, perché il virus non scomparirà. Ci vorrà tempo e tantissima gradualità

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Galli: “Fondamentale programmare riapertura, ma accelerare è errore. Obbligo mascherine? Concettualmente d’accordo”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Travaglio: “Riapertura subito dopo Pasqua? Sarebbe una follia coi dati che abbiamo. Si sta davvero scherzando col fuoco”

next