Coloro che lavorano tutti i giorni negli ospedali, medici, infermieri e operatori sanitari, possono rappresentare un pericolo per le proprie famiglie. Per questo molti di loro hanno deciso di vivere isolati per non mettere a rischio contagio moglie, mariti e figli. Qualcuno, per mancanza di alternative, dorme nella propria auto. Lo racconta a Sono le Venti, il programma di informazione di Peter Gomez sul Nove, un operatore sanitario della Campania impegnato in questi giorni nei reparti di rianimazione: “Non si può capire cosa si prova quando si torna a casa e si è costretti ad allontanare i figli”

SONO LE VENTI, il nuovo programma di Peter Gomez, è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play) e su sito www.iloft.it e app di Loft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, all’ospedale in Fiera a Milano i primi due pazienti. Il coordinatore delle Rianimazioni: “Qui zattera di salvataggio”

next
Articolo Successivo

Milano, insulti e minacce alla Polizia e al sindaco di Corbetta per le multe ai trasgressori del decreto: “Spero che i tuoi figli muoiano”

next