Qualsiasi raccomandazioni arriverà dal Comitato tecnico scientifico e qualunque sia la decisione del governo, queste, secondo l’Istituto superiore di sanità vanno “improntate alla massima cautela“. A dirlo il direttore delle malattie infettive dell’Iss, Giovanni Rezza durante la conferenza stampa quotidiana della Protezione civile, rispondendo a una domanda sulle riaperture e sulle ipotesi al vaglio per la “Fase 2”. E sul vertice in videoconferenza tenuto oggi tra il premier Giuseppe Conte e il Comitato tecnico scientifico, il capo della protezione civile, Angelo Borrelli, ha precisato che era “interlocutorio”. “Sono in corso valutazioni – ha ribadito Borrelli – ma spetta all’autorità politica e al Cdm prendere le decisioni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, “la Bergamasca è diventata zona rossa l’8 marzo con tutta la Lombardia”. Ma era arancione: perché la differenza è sostanziale

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Inail: “Approvate solo 35 pratiche per dispositivi di protezione. Rigettate 805, la metà non rispettano requisiti di sicurezza”

next