Qualsiasi raccomandazioni arriverà dal Comitato tecnico scientifico e qualunque sia la decisione del governo, queste, secondo l’Istituto superiore di sanità vanno “improntate alla massima cautela“. A dirlo il direttore delle malattie infettive dell’Iss, Giovanni Rezza durante la conferenza stampa quotidiana della Protezione civile, rispondendo a una domanda sulle riaperture e sulle ipotesi al vaglio per la “Fase 2”. E sul vertice in videoconferenza tenuto oggi tra il premier Giuseppe Conte e il Comitato tecnico scientifico, il capo della protezione civile, Angelo Borrelli, ha precisato che era “interlocutorio”. “Sono in corso valutazioni – ha ribadito Borrelli – ma spetta all’autorità politica e al Cdm prendere le decisioni”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, “la Bergamasca è diventata zona rossa l’8 marzo con tutta la Lombardia”. Ma era arancione: perché la differenza è sostanziale

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Inail: “Approvate solo 35 pratiche per dispositivi di protezione. Rigettate 805, la metà non rispettano requisiti di sicurezza”

next