Joe Germanotta è il padre di Lady Gaga. Una delle superstar più famose (e ricche) del mondo. L’uomo rischia di finire in tribunale perché in arretrato con il pagamento dell’affitto del suo ristorante newyorkese. Quasi 300 mila dollari dio arretrati. In realtà, la proprietà del locale è della stessa Lady Germanotta.

Joe ha aperto una raccolta fondi su Gofound.me per pagare gli stipendi ai suoi 30 dipendenti. I fan della cantante (e non solo) si sono infuriati. “Lady Gaga vale centinaia di migliaia di dollari ed è proprietaria del ristorante della sua famiglia – ha scritto il blogger e personaggio tv Perez Hilton – ma suo padre, benestante, ha appena usato Twitter per chiedere agli utenti di aiutarlo a pagare i dipendenti. Che ca**o!“. Molti sono i commenti di questo tenore. Il signor Germanotta ha scritto nel suo tweet: “Sto facendo del mio meglio ma abbiamo dovuto chiudere il Joanna (così si chiama il ristorante che si trova a Grand Central) per questo mese. Il nostro personale ha bisogno di un aiuto finanziario. Il nostro obiettivo è di 50 mila dollari che andrebbero a coprire stipendi e assistenza sanitaria dei dipendenti“. Inutile dire che molti utenti Twitter si sono arrabbiati al punto che l’uomo ha dovuto cancellare il tweet per sostituirlo con uno nel quale ha tolto ogni riferimento alla cifra e ha chiesto “un aiuto” generico, dopo aver chiuso la raccolta fondi.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Harry e Meghan continuano a irritare Buckingham Palace: ecco perché

next