Il principe Carlo, il primogenito della regina Elisabetta erede al trono britannico, è risultato positivo al test del coronavirus. L’annuncio è arrivato da Buckingham Palace, secondo cui invece la sua consorte Camilla è invece al momento negativa al tampone. Entrambi si trovano già da qualche giorno in auto-isolamento nel castello di Balmoral, in Scozia, e viene esclusa la necessità di un trasferimento in ospedale. “Non è stato ancora possibile – ha riferito il suo portavoce citando fonti mediche – accertare da chi il principe abbia preso il virus”. Classe 1948, 72 anni da compiere il prossimo novembre, ad oggi l’erede al trono manifesta al momento sintomi lievi e “per il resto è in buona salute”.

Tutte le attenzioni si concentrano ora sulla sovrana, Sua Maestà Elisabetta II, che il prossimo 21 aprile festeggerà 94 anni: fonti della corte reale britannica hanno precisato che Carlo ha visto per l’ultima volta sua madre “prima del 13 marzo” e che in questo momento lei “è in buona salute”. L’ultimo contatto diretto fra madre e figlio – fa sapere la portavoce della Regina – è stato “un breve incontro la mattina del 12 marzo” dopo una cerimonia d’investitura per la consegna di alcune onorificenze. Da giovedì scorso la Sovrana ha lasciato Londra giovedì scorso e si trova in auto-isolamento al castello di Windsor assieme al consorte, il principe Filippo, e “sta seguendo ogni consiglio adeguato” dei medici a tutela del “proprio benessere”.

La stampa britannica sta ricostruendo gli ultimi impegni del principe Carlo per stabilire dove e quando possa essersi infettato e chi possa a sua volta avere infettato. Scorrendo l’agenda di Carlo, emerge che il principe del Galles incontrò Alberto di Monaco a Londra il 10 marzo, durante un evento pubblico, nove giorni prima che questi annunciasse di essere positivo al coronavirus. L’ultimo impegno pubblico della sovrana e di Carlo fu invece il 9 marzo, all’Abbazia di Westminster, in occasione della messa per il Commonwealth Day: a quell’evento presero parte anche il principe William e la consorte Kate, il principe Harry e la consorte Meghan il premier Boris Johnson e la fidanzata Carrie Symonds, il leader laburista Jeremy Corbyn e il ministro degli Esteri, Dominic Raab. Come viene ricordato, il periodo di incubazione del coronavirus è in media di 5-6 giorni, ma può durare anche 14 giorni. Non è al momento stato reso noto quando Carlo abbia avvertito i primi sintomi del virus.

Intanto, vista la situazione, i tabloid britannici riferiscono come Buckingham Palace abbia già pronto un piano per gestire l’emergenza: sarà il principe William, primogenito di Carlo e secondo in linea di successione al trono, a sostituire la regina e il padre nei pochi impegni ufficiali confermati. La Sovrana ha attivato la modalità di “telelavoro” per quanto riguarda i colloqui quotidiani con il premier Johnson ma per le occasioni di rappresentanza avanzano ora in prima linea William e Kate, anche perché -oltretutto- Harry e Meghan sono ormai fuori dai giochi.

La legislazione inglese è molto chiara su cosa fare in situazioni come questa: qualora la sovrana fosse momentaneamente impossibilitata a svolgere le sue funzioni, verrebbe sostituita da un Consiglio di Stato, formato dal consorte, Filippo di Edimburgo (che però è troppo anziano per esporsi), e dalle prime persone (in teoria quattro) in linea di successione. Esclusi, per ragioni di età i figli di WIlliam, e Carlo per l’isolamento a cui è sottoposto, il Consiglio dovrebbe essere composto da William, Harry e il principe Andrea, nonostante i recenti trascorsi di questi ultimi.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Piero Chiambretti pubblica un post per ricordare la mamma Felicita

next