“Nel confronto col governo abbiamo ridotto il numero delle attività essenziali e abbiamo cambiato l’elenco che era uscito domenica sera. È un risultato importante”. A rivendicarlo, con un videomessaggio su Facebook al termine del confronto con il governo è il leader della Cgil, Maurizio Landini, precisando di “aver chiarito quelli che sono i settori essenziali e le produzioni che invece in questo momento è utile sospendere per la salute e la sicurezza di tutti”. “Non lasceremo solo alcun lavoratore”, ha concluso Landini nel suo videomessaggio

video @Facebook/Cgil

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sono le Venti (Nove), Coordinamento professionisti: “600 euro a partite Iva? A oggi non sappiamo ancora come si fa la domanda”

next
Articolo Successivo

Cura Italia, il rebus del curatore fallimentare che non può avviare licenziamenti: “Lavoratori senza stipendio né disoccupazione”

next