Stava facendo jogging davanti al proprio condominio. Una donna lo ha visto e ha cominciato a riprenderlo dalla finestra, intimandogli di rientrare a casa. Dopo qualche ‘richiamo’ da parte della vicina, l’uomo ha perso la testa e con un martello ha iniziato a colpire l’auto della donna. Siamo a Montesilvano in Abruzzo e la vicenda la riporta Leggo.it. A quel punto la donna ha cominciato a supplicare il runner di smettere di colpire la sua auto ma lui non si è fermato. Anzi. La donna ha iniziato a piangere e a parlare con un uomo che si trovava accanto a lei: “Oddio, l’ha distrutta”, “Antonio, ti prego”. “Ormai la macchina è andata”, le ha risposto l’uomo. Nel frattempo un’altra donna, verosimilmente una vicina, si è avvicinata ma per pochi secondi. Poi, spaventata, si è allontanata vero l’esterno del parcheggio. Il runner ha continuato a martellare e minacciare la donna: “Poi vengo dentro casa”. Lei ha iniziato a dire “scusami, scusami”, piangendo a dirotto, ma il runner a quel punto a cominciato a riferirsi forse al compagno della donna “deve chiederlo lui, quel figlio di putt***”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Maria Grazia Cucinotta sbotta: “Vedo che la gente minc*** resterà sempre minc***”

next
Articolo Successivo

Morto Albert Uderzo, addio al fumettista ideatore della saga di “Asterix e Obelix”

next