Gli esperti lo hanno chiarito a più riprese: il Coronavirus resiste sulle superfici per intervalli di tempo che possono essere più lunghi di quanto si pensi, ragion per cui è importante pulirle e disinfettarle con attenzione. Anche quando si tratta della propria automobile.

Come suggerito dall’Osservatorio per l’Educazione alla Sicurezza Stradale della Regione Emilia, è importante lavarsi spesso le mani, specie dopo aver toccato il volante, la leva del cambio, il cruscotto e la maniglia della portiera. Che sono le componenti dell’abitacolo più contaminate e con cui si entra in contatto più spesso, per ovvie ragioni. Le stesse per cui bisogna evitare categoricamente di toccarsi la zona naso-bocca-occhi quando si è in marcia. Queste precauzioni sono da tenere ancor più in considerazione se si usa un’auto a noleggio, in car sharing o un taxi.

Nel caso di auto condivise, è consigliabile pulire accuratamente le zone dell’auto dove potrebbero essersi depositate microgoccioline di saliva degli utenti che hanno adoperato il veicolo in precedenza, usando i guanti di lattice (da indossare anche alla guida) e un disinfettante adeguato. Consigli che sono validi oggi, in regime di pandemia da Covid-19, quanto in linea generale.

Basti pensare che il volante, ad esempio, è quattro volte più contaminato di microrganismi della tavoletta di un water. Un water pubblico. E non è molto migliore la situazione di maniglie, portabicchieri, sedili e tappetini. Sono approssimativamente 700 i ceppi batterici diversi che popolano un abitacolo, a cui sono esposti i passeggeri e tutto quello che portano a bordo, cibo incluso. Quest’ultimo fa da catalizzatore per questi microrganismi, specie col caldo dell’aria condizionata o dell’irraggiamento solare.

Attenzione anche al distributore di carburante: se, per centimetro quadrato, la corona del volante ha mediamente oltre 629 CFU (unità formanti colonie, un parametro che rispecchia la crescita batterica), una pompa di benzina ne possiede milioni: circa 2,6 per i bottoni del self-service e 2 per le pistole di rifornimento. Fra i patogeni rientra nell’elenco pure il temibile Staphylococcus, responsabile di infezioni cutanee, intossicazioni alimentari e sindrome da shock anafilattico. Insomma, meglio usare i guanti monouso e lavarsi bene le mani dopo aver fatto il pieno.

Ecco tre consigli utili per vivere più sereni nel proprio abitacolo: pulire le superfici interne – in particolare volante, cambio e chiavi di avviamento – con prodotti sanitizzanti. Sostituire i filtri dell’aria condizionata e disinfettarli con gli appositi spray per ridurre i batteri aerobici. Usare l’aspirapolvere sulla tappezzeria e lavarla con prodotti detergenti, prestando particolare attenzione ai tappetini; gli stessi che, di tanto in tanto, andrebbero sostituiti.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mazda MX-30, la prima full electric del marchio giapponese arriva in Italia – FOTO

next
Articolo Successivo

Coronavirus, con meno auto e industrie ferme diminuisce l’inquinamento atmosferico

next