Il momento più temuto è arrivato: Vera Gemma è stata eliminata da Pechino Express. La rivelazione assoluta dell’ottava stagione del docu-reality di Rai 2 è uscita di scena, bocciata dalla “busta nera” che ha sancito la fine di un sogno, quello di vederla arrivare fino al traguardo di Seul. Ma del resto era difficile immaginare che lei e Gennaro Lillo, il suo sparring partner, sarebbero riusciti a raggiungere la Corea, vista la “strategia del gambero” attuata nelle ultime due puntate: anziché andare nella giusta direzione, hanno continuato a sbagliare strada rischiando di imboccare la rotta verso l’Italia. Geniali. Intanto gli ascolti volano: ecco il meglio e il peggio della seta puntata, vista da oltre 2,4 milioni di spettatori.

Il gioco delle coppie. La puntata si apre con un inaspettato rimescolamento delle coppie e le notizie sono due. La prima è che Soleil Sorge e Dayane Mello sono pronte per girare la seconda stagione di Nemicamatissima: fino a un minuto prima si sarebbero strappare le ciglia finte a vicenda, un attimo dopo diventano complici e amiche di una vita. Quando si dice lo spirito di adattamento. La seconda notizia è la rinascita di Carolina, l’assistente di Enzo Miccio, che finalmente può respirare senza il timore che il suo capo le urli “Caroooooo” ogni tre secondi. «Ho preso coscienza di quanto da sola posso raggiungere l’obiettivo. Sono fiera di me», dice soddisfatta. Ma la sindrome di Stoccolma è sempre dietro l’angolo. Voto: 6

In Vera we trust. Quando lo schianto è ormai vicino, Gennaro Lillo prova a capire le ragioni della disfatta: «Non me lo spiego come abbiamo fatto ad arrivare ultimi». Serafica, Vera Gemma gli risponde: «Evidentemente qualcuno è arrivato prima di noi». Ironica, surreale, tragicomica: Vera Gemma è la rivelazione assoluta di Pechino Express 8 e l’infortunio della sodale Asia Argento è stata la sua fortuna, perché le ha permesso di uscire dall’ombra e rivelarsi un personaggio interessante. «Ora torno a casa da mio figlio: del resto oltre che un sex symbol e una star, sono anche una mamma», chiosa beffarda senza piagnistei. Indimenticabile. Voto: 10

Le sorprendenti Collegiali. Era partito male e proseguito ancora peggio il viaggio delle Collegiali. Invece un passaggio alla volta Nicole Rossi e Jennifer Poni – protagoniste de Il collegio – hanno recuperato terreno fino a vincere la sesta puntata. Le frizioni tra le due non mancano, però hanno imparato a godersi il viaggio. «Siamo come due nuovi personaggi de La casa di Carta, chiamateci Roma e Pechino: vogliamo arrivare in Corea e vincere». Voto: 7

Soleil vs Wendy. In una puntata praticamente scevra di battibecchi e tensioni, a innescare i soliti fuochi d’artificio ci pensano Soleil e la madre Wendy, che trovano il tempo di godersi la serata – scroccando una cena e bevendo grappa cinese in abbondanza – salvo poi litigare furiosamente. «Lasciami un po’ di spazio quando sto parlando, devi essere di supporto qualche volta», prova a dire Wendy. L’armonia dura quanto un battito di ciglia e tra le due scatta l’ennesimo bisticcio, ormai un format nel format che ha stancato. Voto: 2

Tutti contro Dayane. «Non guarda in faccia a nessuno, è da temere», dice Enzo Miccio a proposito di Dayane Mello. Ed è proprio la modella brasiliana la più temuta dal gruppo: non piace a Madre e Figlia, non piace al wedding planner e pure i Gladiatori si fidano poco di lei. Stakanovista e stratega, punta dritta al traguardo. Cult la scena in cui tira fuori dallo zaino mezzo litro di grappa, regalo di un gruppo di generosi cinesi che ha incontrato durante una festa all’aperto. Voto: 5

La beauty routine di Enzo Miccio. Camicia cifrata d’ordinanza, anche quando fa le prove nel fango, e nello zaino un astuccio pieno di prodotti e creme. Enzo Miccio se non ci fosse bisognerebbe inventarlo: si confronta sui balsami migliori con Vera Gemma, poi impone la beauty routine anche al signore che li ospita per la notte: «In fondo c’è un po’ di vanità in tutti noi», sentenzia. Voto: 8

Dateci Pechino anche in replica. È vero, siamo alla sesta puntata, manca ancora un po’ prima della finale ma è giusto portarsi avanti. Modesta proposta: visto che hanno svuotato i palinsesti di tutto l’intrattenimento per concentrarsi sull’informazione, perché Rai 2 alla fine di questa stagione non ripropone le più edizioni più belle di Pechino Express? È una piccola boccata d’aria che di questi tempi può regalare al pubblico qualche ora di distrazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amici 19, un video inedito mostra Valentin che litiga con tutti: “Siamo ballerini e non abbiamo un ca**o”, poi su Instagram: “Erano momenti difficili, ho un ottimo rapporto col team”

next
Articolo Successivo

Sono le Venti torna stasera, ecco le anticipazioni di Peter Gomez. Appuntamento alle 19.55 sul Nove

next