Come è gestita nelle vostre città l’emergenza Coronavirus? Come si comportano le autorità e i cittadini? E nelle vostre vite, c’è qualche aspetto positivo o inatteso nell’isolamento forzato? Abbiamo chiesto ai nostri Sostenitori di raccontarcelo, inviando testimonianze, osservazioni e spunti per la redazione al Blog Sostenitore. Mai come stavolta il contributo della nostra comunità è fondamentale: con il Paese in zona rossa, ogni segnalazione è importante. Abbiamo bisogno di voi. Sosteneteci: se non siete ancora iscritti, ecco come potete farlo.

di Monica Valendino

Mentre il mondo intero ha scoperto che la catastrofe della Covid-19 è priorità assoluta, il mondo del calcio si arrovella le meningi (attenzione a non finire in ospedale però!) per cercare di capire come portare a termine la stagione. Le ipotesi al vaglio sono poche, come le idee e – come queste – lasciano in molti perplessi.

1. La prima sul tavolo dei cervelli della Lega è congelare la classifica attuale: ovvero Juve (tanto per cambiare) campione e le altre si adeguino. Il Genoa ha già mostrato qualche lievissima obiezione (una bestemmia da competizione, nda) facendo gentilmente presente che ha ancora varie partite da giocare tra cui alcuni scontri diretti. L’ipotesi per questo è attualmente congelata.

2. La seconda sul tavolino (i membri a discutere si sono ridotti nel frattempo causa contagio) è istituire i playoff e i playout, alla faccia della classifica attuale. La Juve non ha obiettato, ha semplicemente mandato a cagare l’ipotesi presumendo che ogni finale che gioca (o quasi) la perde. Il Genoa gentilmente fa presente che ha ancora varie partite da giocare tra cui alcuni scontri diretti. L’ipotesi per questo è attualmente al vaglio ed eventualmente si farà un playoff tra i presidenti per vedere chi vince e cosa sceglie.

3. La terza ipotesi sul tappeto (oramai i consiglieri rimasti sono quattro causa allargarsi del contagio), quella più accreditata, è cancellare l’Europeo (alla faccia dei miliardi spesi anche da Roma) e giocare da maggio a giugno un super campionato che qualcuno dice “sarà bellissimo”, mentre altri affermano già che “sarà comunque falsissimo”.

La Juve fa intanto il conto dei suoi contagiati, l’Inter anche, l’Atalanta non si esprime, mentre il Genoa gentilmente fa presente che ha ancora varie partite da giocare tra cui alcuni scontri diretti e giocarli a distanza di pochi giorni non va bene. L’ipotesi sarà comunque discussa e se a qualcuno non piaceva il calcio spezzatino si abitui a vedere partite da lunedì a domenica per garantire anticipi e posticipi.

Inoltre qualche scienziato (bollato dalla Lega, quella calcio s’intenda, come catastrofista) precisa che basandosi sul modello cinese ci vorranno almeno tre mesi per riaprire gradatamente le attività produttive, prima quelle essenziali tra le quali non c’è il calcio. Pare che questo ricercatore (bollato dalla Lega, quella politica, come catastrofista) sia stato già destinato a fare il medico di base a Molfetta.

4. In questo caos ecco che spunta la quarta ipotesi, forse la più realizzabile: giocare il campionato regolarmente a partire da domenica prossima, ma con la playstation. Si garantirebbe così la distanza tra i giocatori, il pubblico avrebbe la sua distrazione settimanale, l’Europeo si salverebbe (anch’esso da giocare con la consolle), i giocatori avrebbero il tempo di allenarsi quotidianamente da casa come vuole l’associazione di categoria.

Insomma un metodo che potrebbe prendere piede. Anche se il Genoa fa presente che ha ancora varie partite da giocare tra cui alcuni scontri diretti e la banda larga in italia non è ancora a portata di tutti per poter giocare on line.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.
Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, l’Uefa ha deciso: Euro 2020 slitta al 2021. Accolte richieste delle federazioni: i campionati possono terminare, Covid permettendo

next