Pasti gratuiti ai medici e agli infermieri impegnati, in queste settimane, in prima linea contro il coronavirus. I soci del ristorante SlowSud, a casa per via dell’isolamento, hanno pensato di cucinare per le persone che più di tutte, oggi, hanno bisogno di un sostegno. Così, rigorosamente da casa, hanno iniziato a preparare i pasti – e a consegnarli, anche grazie a un furgoncino messo a disposizione da Sos Lambrate-Anpas – per gli ospedali di Milano. Sono partiti per primi, ma strada facendo hanno raccolto “per strada” altri nove ristoranti: Miscusi, Fud, Muu Muzzarella, Li Mastri, Fancytoast, Loredani, Star Zagros Kebabbar, Kebab Duomo, Gnomo, Gelsomina (con la collaborazione di Ristoratore Top). Al momento consegnano 300 pasti al giorno. Gli ospedali coperti, questa settimana: Fatebenefratelli, San Giuseppe, Sacco, Bassini, San Raffaele, Policlinico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, la diretta – I contagi sono 31.506, le vittime 2.503. Il commissario Arcuri: “Attrezzarci per economia di guerra”. Mattarella: “Clima di difficoltà, cittadini siano uniti intorno a valori costituzionali”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, a Bergamo morti due dipendenti delle Poste. Cgil: “Chiudete gli uffici postali”

next