Il traffico stradale e autostradale – a causa delle misure antivirus – si è dimezzato. Visto che (secondo l’Istat) normalmente in Italia ci sono ogni giorno 10 vittime di incidenti automobilistici e quasi 700 feriti, in proporzione ogni 24 ore sopravvivono 5 persone e 350 restano incolumi (meno sofferenze, meno invalidi, meno drammi).

Anche l’inquinamento si è più che dimezzato, infatti Milano è tornata da alcuni giorni molto sotto i livelli emergenziali precedenti. Eppure – secondo le stime di uno studio pubblicato sulla rivista European Heart Journal nel marzo del 2019 – l’Italia è il secondo Paese in Europa (dopo la Germania) per decessi dovuti al particolato fine e ad altri inquinanti, con la perdita precoce di 81.000 vite umane. Sono 222 ogni 24 ore. Forse in queste giornate se ne stanno salvando almeno un terzo, circa 75.

Non dobbiamo consolarci con queste valutazioni teoriche (sono solo alcune tra quelle citabili), determinate da un evento inatteso. Però abbiamo il dovere di riflettere sulla sensatezza del nostro “normale” trantran quotidiano. E forse dovremmo imparare a vivere più che a sopravvivere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, meno male che dicevano ‘vedi Napoli e poi muori’… Tocilizumab, salvaci!

next
Articolo Successivo

Non so se dopo il virus il mondo sarà migliore, ma riprendere a correre non servirà a nulla

next