di Marta Coccoluto

È tempo di fermarci. Dove non sono arrivati la responsabilità e il rispetto per gli altri e per le regole, è (finalmente) arrivata la legge. E quell’Io resto a casa che dà titolo al decreto del 9 marzo scorso, e già parla da solo, potrebbe sembrare un sacrificio quasi insopportabile per chi, come tanti Nomadi Digitali, ha fatto della mobilità e della possibilità di vivere e viaggiare ovunque il proprio stile di vita e di lavoro.

Certo, non possiamo che disfare valigie già pronte e rimandare i nostri progetti di viaggio e di spostamento a un altro tempo. Un tempo che oggi fatichiamo a intravedere, l’orizzonte è troppo stretto: un’incertezza che è il limite più grande da accettare.

Ma il non poterci muovere non mette in discussione il nostro essere nomadi digitali, anzi. Il cliché del nomade digitale – uomo, giovane giramondo zaino in spalla, al lavoro in flip flop all’ombra d’una verde palma – stride con la realtà sfaccettata e composita di molti professionisti della Rete, di freelance, di piccoli imprenditori e imprenditrici con business online e anche di smart workers che in questi giorni incerti hanno riorganizzato le proprie giornate, senza smettere di lavorare.

E soprattutto tralascia un aspetto importante: il sacrificio a cui è chiamata tutta l’Italia, ovvero il cambiare radicalmente abitudini e stili di vita e attrezzarsi rapidamente per diventare “lavoratori da remoto”, ai Nomadi Digitali pesa un po’ meno. E non solo perché hanno un lavoro o un business online o perché sono già attrezzati per lavorare ovunque.

Ridisegnare vita e lavoro in chiave mobile e indipendente significa prima di tutto – e a priori – fare una scelta che abbraccia il minimalismo, ovvero la consapevolezza che si possa vivere meglio comprando meno e creando di più, che rimette in ordine d’importanza le priorità, ovvero quel che conta davvero per la propria realizzazione, e che incarna il desiderio di essere liberi e indipendenti. Responsabili delle proprie scelte e consapevoli delle proprie capacità e competenze. Dinamici, flessibili e indipendenti, possiamo anche non viaggiare, ma siamo abituati a gestire il nostro tempo, a organizzare il nostro lavoro senza orari già impostati, a bilanciare vita privata e carico di lavoro, a fare networking.

Ecco perché quel che affrontiamo in questi giorni ci disorienta meno. Per tanti, la sfida di questi giorni non è tanto nel restare dentro casa e far passare il tempo, ma è gestirlo e metterlo a frutto, così che sia produttivo e foriero di nuovi slanci. Utile a mettere in discussione il nostro stile di vita, il nostro modo di lavorare, a impostare nuovamente quella routine che continuiamo a portare avanti lamentandoci.

Quali sono le nostre passioni, i nostri interessi? Cosa è che ci rende unici? In cosa siamo bravi? Qual è il progetto che teniamo nel cassetto? Abbiamo un grande palcoscenico su cui salire e raccontarci, oppure davanti a cui sederci e ispirarci: si chiama Internet.

Il tempo sospeso che il Coronavirus ha imposto è un tempo che chiama alla responsabilità, verso le norme ma anche verso noi stessi: abbiamo un’opportunità per essere migliori e per non tornare alla normalità. Coraggio!

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il protocollo sul lavoro? Raccomandazioni per le imprese, obblighi per i dipendenti

next
Articolo Successivo

Coronavirus, ferie forzate: il protocollo con le aziende prevede prima uso ammortizzatori. Sindacati contro Fincantieri: “Non lo rispetta”

next