Raccomandazioni per le imprese, obblighi per i lavoratori. Le imprese “potranno”, i lavoratori “dovranno”. Questo prevede il protocollo firmato da governo e parti sociali.

Le imprese potranno fermare i reparti ma anche no, potranno quindi anche continuare come se niente fosse a produrre beni anche non essenziali. Potranno utilizzare ove possibile lo smart working ma anche no. I lavoratori dovranno accettarlo e farsi carico di rispettare la distanza di sicurezza di un metro, senza essere forniti di mascherine. Le imprese ovviamente “potranno” fornirle, ma anche no, come potranno fornire ma anche no il disinfettante per le mani: sono tenute a fornire solo il comune sapone, come del resto prima del virus, e provvederanno, in aggiunta, solo a sanificare gli ambienti. Il lavoratore viene però obbligato a “adottare tutte le precauzioni igieniche, in particolare per le mani”.

Le imprese “potranno”, se vorranno, “assicurare un piano di turnazione dei dipendenti dedicati alla produzione con l’obiettivo di diminuire al massimo i contatti”. Le imprese “potranno”, se vorranno, rimodulare gli orari di ingresso e di uscita in fabbrica in modo da consentire ai lavoratori di non assembrarsi e rispettare la distanza di sicurezza, ma anche no. I lavoratori “dovranno” comunque lavorare, assicurando a sé stessi e ai colleghi le condizioni di sicurezza in qualunque momento, compreso a bordo del mezzo aziendale che li conduce in fabbrica, compreso mentre si cambiano nello spogliatoio, mantenendo un metro di distanza dal vicino di armadietto. Se un lavoratore ha i sintomi del virus, più di 37.5 di febbre, l’azienda seguirà il protocollo previsto per i casi di sospetto Coronavirus e “potrà”, durante il periodo delle indagini, sospendere dal lavoro chi ha lavorato a stretto con lui, così da impedire il contagio di tutti i lavoratori, ma anche no.

Quanto alle mascherine e ai guanti, il protocollo [qui il documento] spiega che “le mascherine dovranno essere utilizzate in conformità a quanto previsto dalle indicazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità”. Il testo non riporta quali siano queste indicazioni. Andiamole a leggere sul sito dell’Oms, secondo le linee guida aggiornate: “Se non sono previste pratiche che coinvolgano pazienti affetti da Covid-19, non serve indossare mascherine”. Pertanto, l’azienda dovrà fornire mascherine, guanti, occhiali, tute, cuffie, camici solo se l’attività lavorativa comporta una distanza tra i lavoratori inferiore a un metro. L’attività lavorativa intesa in senso stretto, non il trasporto a bordo del mezzo aziendale, l’ingresso in azienda, la permanenza nello spogliatoio, la mensa. Anche se, come si legge sul sito del ministero della Salute, “L’uso della mascherina aiuta a limitare la diffusione del virus” ove “adottata in aggiunta ad altre misure di igiene respiratoria e delle mani”. Ovvero i guanti, il lavaggio con disinfettanti a base di alcol, tutte cose che l’azienda non è tenuta a fornire al lavoratore.

Le imprese “potranno”, se lo vorranno, “utilizzare gli ammortizzatori sociali disponibili finalizzati a consentire l’astensione dal lavoro senza perdita della retribuzione”, ma anche no, e continuare a produrre beni che non siano di prima necessità. I lavoratori dovranno starci. I lavoratori “dovranno”, se l’impresa lo chiede usare le ferie arretrate, e comunque alle imprese si raccomanda di “incentivare” l’utilizzo delle ferie future per stare chiusi a casa, lavorando quest’estate quando vorranno andare in vacanza. Traduco in sindacalese: “Incentivare” ai tempi del Jobs Act e del lavoro precario significa dire “Prendere le ferie”.

Al di là della sanificazione degli ambienti e della fornitura dei mezzi di protezione ai soli lavoratori la cui l’attività preveda una distanza inferiore a un metro, l’obbligo di proteggersi e proteggere gli altri dal contagio è sostanzialmente scaricato sulla lavoratrice e sul lavoratore, compresi quelli più ricattabili, i precari e non sindacalizzati, quelli delle cooperative, le partita iva che lavorano nelle redazioni di giornali e programmi tv, i “liberi professionisti” che pedalano, i “collaboratori” che puliscono e via così.

Comprendo che siamo in emergenza, che questa è una situazione inedita, che abbiamo sottoscritto accordi scellerati che ci impongono di contenere il debito più che il contagio, ma segnalo che, data l’inedita e drammatica emergenza, abbiamo fermato il Parlamento, sospeso le elezioni, fermato la scuola, posticipato interventi chirurgici e sedute di chemioterapia. E non possiamo imporre per legge alle imprese, – come per legge viene imposto ai cittadini di stare a casa – nemmeno di rallentare la produzione di beni non essenziali in modo da impedire il contagio dei lavoratori? Non possiamo obbligare le imprese a rifornire i lavoratori di guanti e mascherine? Possiamo smettere di istruire i giovani, vedere i nostri cari, curarci, passeggiare, fare l’amore, ma non di produrre? A questo ci ha condotto il sistema economico che abbiamo adottato come se fosse l’unico possibile?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus: gli operai in fabbrica, Berlusconi a Nizza e Ronaldo a Madeira

next
Articolo Successivo

Coronavirus, a noi Nomadi Digitali l’emergenza pesa un po’ meno. Ecco perché

next