Il nipote di Alberto Sordi, Igor Righetti, è stato oggi ospite di Vieni da Me, il programma condotto da Caterina Balivo su RaiUno e ha raccontato una cosa che lo zio ripeteva spesso: “Mi raccomando: finché non sarò in orizzontale, evitate di raccontare i fatti nostri. Quando sarà, allora sì, mi farà anche piacere”.

Igor, conduttore radiofonico e docente di comunicazione, ha spiegato che Sordi non amava affatto essere chiamato “Albertone“: “Lui si trasformava, cambiava espressione: detestava questo soprannome. Questo soprannome era legato alla faccia un po’ grande, che gli creò anche qualche problema ad inizio carriera”. L’unico rimpianto del grandissimo attore? “Il non essersi creato una famiglia aleggiava tra familiari, ma abbiamo sempre rispettato questa sua decisione. Negli ultimi anni di vita disse a mio padre e a Pippo Baudo: ‘Probabilmente il mio più grande errore è quello di non essersi sposato'”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il sindaco di Boscoreale lancia un appello ma è pieno di strafalcioni. E il video fa il giro del web

next
Articolo Successivo

Coronavirus, l’appello di Mastella: “Giovani, bambini, telefonatemi per farci compagnia”. E a FQMagazine dice: “Hanno chiamato in tantissimi”

next