Istantaneamente vogliamo sapere. Nell’istante decidere. All’istante giudicare. Come il nome di questa rubrica suggerisce, noi giornalisti abbiamo, la necessità di informare, comunicare, e naturalmente commentare i fatti che accadono. E quando abbiamo fretta, cioè quando pensiamo che i fatti debbano accadere nell’istante che pensiamo noi, ci innervosiamo tanto.

Ieri ad esempio noi giornalisti siamo stati allertati a metà mattina della possibile chiusura delle scuole. Una scelta grave, mai udita prima, per combattere questo virus misterioso e cattivo. Ma la notizia, anticipata alle 11, si rifiutava di trovare ufficialità alle 13, e anche alle 14. E allora noi giornalisti, attesa la prima mezz’ora e poi la seconda, e infine la terza, abbiamo iniziato a inquietarci. Ma così tanto e così tanto che qualcuno si è disperato: “Che disastro! Che figura facciamo col resto del mondo al quale già abbiamo detto che le scuole sarebbero state chiuse?”. Sette ore sono trascorse fino all’ufficialità, e a noi giornalisti quelle sette ore sono parse un tempo infinito, come fossero sette giorni, anzi sette mesi. E dunque – tra le 11 e le 18 – ci siamo messi a valutare, giudicare, commentare, immaginare ogni colpa, indicare ai buoni, cioè a voi che leggete o ci guardate in tv, i cattivi, cioè quegli altri che non siamo né noi né voi. Abbiamo detto che così saliva l’ansia, infatti a noi era già salita, ed era una cosa ingiusta, anche meschina, molto dilettantistica. Abbiamo anche detto che i governanti sono degli incapaci, perché non sanno cosa fare. E gli scienziati? Pure loro ondeggiano. E a noi non piace che abbiano dubbi, vorremmo che tutto fosse chiaro e da subito.

Quindi già a metà pomeriggio abbiamo lanciato l’allarme: qui è il caos!

Quando la decisione è stata finalmente annunciata era ormai troppo tardi. Saperlo alle sei del pomeriggio e non alle 14 era la prova provata della loro incapacità di stare al mondo.

Basta con l’isteria, abbiamo detto in preda all’isteria. E basta col panico, abbiamo aggiunto già notevolmente turbati. Ai governanti abbiamo intimato: dovete agire con responsabilità! A voi abbiamo raccomandato: dovete essere una forza tranquilla e coesa.

E poi siamo andati a cena.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, non diteci bugie: solo quando la vita è in pericolo chiediamo la verità

next
Articolo Successivo

L’Istantanea – In attesa del guaritore non c’è nessuno che possa fare meglio di noi stessi

next