La polemica è servita: “Per una volta il sud ha vinto contro il nord“. Elisa De Panicis, in tema Coronavirus, ha deciso di spararla grossa. L’influencer dell’ultima edizione del Grande Fratello Vip, spaparanzata sul suo letto con dei filtri sul volto, ha realizzato alcune Instagram Stories sul virus che sta monopolizzando tutto il nord Italia. Elisa se la ride sul suo letto. “Odiamo quelli del nord e ora non possono scendere. Per una volta tutti i milanesi, lombardi, veneti hanno bisogno di andare al sud e non possono. Questa è proprio la cosa più bella di Coronavirus. Finalmente”. Queste le sue parole, poi eliminate quando la frittata era ormai stata fatta.

Gli utenti dei social network, manco a dirlo, hanno iniziato a massacrarla. Dodici ore più tardi, lei ha provato a giustificarsi così: “Ragazzi, ehm, era una battuta per sdrammatizzare tutta la situazione che c’era in Italia”. Ma, forse, la toppa è peggiore del buco: “Era per dire che… dato che i voli erano tutti bloccati, tutti i treni erano bloccati, ho detto: vabbè, a sto punto, se dovessi guardare la positività di tutto ciò, c’è siamo bloccati in Italia. Ero anche io bloccata a Milano, tutto qui. C’è, assolutamente, è una cosa grave che c’è un virus in giro ma, indipendentemente da come affrontiamo questa situazione, ci cambia la vita. Perché è ovvio che se e ci chiudiamo in casa, ci viene l’ansia, non usciamo e tutto… cioè, secondo me, la cosa migliore è mettersi la mascherina, mettersi i guanti, lavarsi spesso…”.

Ma non sono bastate le sue scuse per fermare le critiche. Tommaso Zorzi, anche lui influencer da 500mila followers, c’è andato giù pesante: “Se c’è una cosa che mi spaventa di più del Coronavirus sono gli imbecilli, e in questa situazione particolare ne sono spuntati fuori tanti. Tra cui, una su tutte, la De Panicis (…) Ma pensi sia una partita di risiko? Ma poi che ca**o ti ridi? Hai una sinapsi ogni quarto d’ora. Poi te posso dì De Panicis? Coronavirus o meno, tu una bella quarantena in quinta elementare te la devi fare. Ti mettiamo in una classe, ti chiudiamo dentro con dei sussidiari, dei quaderni anche da colorare, dei pallottolieri, almeno torniamo un po’ alla normalità. Ora scommettete che cercherà di smarcarsi con un bel ‘”ma io ho tanti amici ‘milanesi’?”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus, De Masi: “Con il telelavoro la produttività aumenta. Ma il Italia il capo vuole i dipendenti a portata di mano: io la chiamo ‘sindrome di Clinton'”

next
Articolo Successivo

“Zoro” Diego Bianchi si è sottoposto al tampone per il Coronavirus: esito negativo. Lui: “Paura ma venerdì ci sarò”

next