È lo scheletro del mostro di Loch Ness“. Così in tantissimi sui social stanno commentando la foto di un gigantesco scheletro spiaggiato sulla costa di Aberdeen, in Scozia, a circa 200 chilometri dal famigerato lago. Gli enormi resti sono stati portati a riva dalle violente mareggiate di questi giorni, provocate dalla tempesta Ciara che ha colpito la Gran Bretagna e il Nord Europa.

A dare per la notizia dell’insolito ritrovamento la pagina Facebook del sito di informazioni locali Fubar News, che ha pubblicato la foto dell’enorme carcassa, con quelle che sembrano essere due corna, diventata ora virale in Rete. Il post è stato invaso dai commenti di chi vi riconosce i resti del leggendario mostro del lago scozzese, “immortalato” per la prima volta nel 1934 da Robert Kenneth Wilson in uno scatto successivamente dimostratosi un clamoroso falso. Ma c’è anche chi invece ipotizza più realisticamente che possano essere i resti di una balena. Chi avrà ragione? Loro o chi si appella alla leggenda di Nessie?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Achille Lauro, parla il padre magistrato: “Drogato? Forse in passato. Oggi fiero di lui”

next
Articolo Successivo

Giacomo Urtis, il chirurgo estetico dei vip indagato: “Effettuava prelievi di sangue senza autorizzazione a scopo di lucro”

next