Lo “psicomago“, come si auto-definisce Carlo Fox, è stato invitato come ospite a Buongiorno Regione Basilicata, la striscia mattutina del telegiornale regionale Rai, per presentare al pubblico uno dei suoi numeri di magia in diretta: “uso psiche e linguaggio del corpo per indovinare”, ha spiegato. Purtroppo però è stato un flop e la scena è diventata virale sui social. Lo “psicomago” ha coinvolto la conduttrice del Tgr e le ha chiesto di immaginare di essere la direttrice di una banca e scrivere su un foglio dei numeri di un ipotetico codice pin che poi lui avrebbe dovuto indovinare.

Così, ha iniziato a fare una serie di calcoli assurdi, sommando e sottraendo numeri a partire dal primo che a suo dire la conduttrice aveva pensato. Ma così non è stato e la sua esibizione si è trasformata in un disastro, con la giornalista in studio visibilmente imbarazzata. “In questi quattro numeri, c’è un numero 3?”, le ha chiesto. “No”, ha risposto lei incerta. “Però l’ultimo numero, è un numero pari?“, ha rilanciato il sedicente mago. Ma la risposta è sempre “no”. “Ma il numero che ha pensato è 5647?“. “No”. A quel punto, la giornalista taglia corto: “Riuscirà la prossima volta“. “È colpa dello stress”, ha provato allora a giustificarsi lui. Ma ormai il flop era palese.

È successo nella puntata del 4 febbraio: l’episodio è stato immortalato e rilanciato sui social, dove ora è diventato virale, tra i commenti divertiti ma anche le critiche per aver concesso quasi 5 minuti di una striscia di informazione del servizio pubblico a un numero di magia (oltretutto non riuscito).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Vita in Diretta, lite tra Morgan e il manager di Bugo: ”Mi devi ringraziare, stai facendo il grano”. Lui lo zittisce: “Sei da curare, è tutto inventato”

next
Articolo Successivo

Crozza nei panni di Piercamillo Davigo: “In Italia in galera non ci va nessuno. Se ti tamponano con l’auto, conviene usare il cric…”

next