Due macchinisti sono morti e 31 persone – su 33 che erano a bordo – sono rimaste lievemente ferite nel deragliamento del treno Frecciarossa Av 9595 partito da Milano Centrale alle 5.10 e diretto a Salerno. L’incidente – il primo in 15 anni sulla linea dell’Alta velocità – è avvenuto intorno alle 5.35 a Ospedaletto Lodigiano, in aperta campagna a circa 30 chilometri da Piacenza. Il treno, arrivato a Milano Rogoredo alle 5:17, era ripartito alle 5:20. Le vittime sono Giuseppe Cicciù, 52enne nato a Reggio Calabria, e Mario Di Cuonzo, 59 anni, di Capua. I loro corpi sono stati sbalzati a circa 50 metri da dove è finita la corsa del treno. “I macchinisti li abbiamo trovati per terra, già deceduti. Il primo era vicino al fabbricato e l’altro a una cinquantina di metri”, ha detto Giuseppe Di Maria, comandante provinciale dei vigili del fuoco di Lodi. Come anticipato dalla ricostruzione del fattoquotidiano.it, il procuratore di Lodi, Domenico Chiaro, ha spiegato che il treno è “deragliato all’altezza di uno scambio che doveva essere posto in una certa posizione e così non era“. Scambio sul quale, nella notte, erano stati effettuati dei lavori di manutenzione, eseguiti internamente dai dipendenti di Rete ferroviaria italiana. La Polizia Ferroviaria ha identificato e ascoltato gli operai che hanno operato sulla linea: secondo Adnkronos, si sono giustificati dicendo di aver svolto correttamente il lavoro. La procura ha aperto un’inchiesta per disastro ferroviario, omicidio colposo plurimo e lesioni colpose plurime. Anche Ferrovie dello Stato, con Rfi, ha avviato un’indagine interna. La linea è stata sospesa e tutti i treni, in entrambe le direzioni, sono stati instradati sulla linea convenzionale Milano-Piacenza con ritardi fino a 60 minuti. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha espresso cordoglio per “due nuove vittime del lavoro, e spera si faccia presto luce sulla dinamica dell’incidente. I sindacati hanno definito l’incidente “inaccettabile” e proclamato uno sciopero di due ore per venerdì.

Le indagini sui lavori di manutenzione – A rovesciarsi, oltre alla motrice, il primo vagone, mentre il resto del convoglio è rimasto pressoché intatto. “Poteva essere una carneficina”, ha detto il prefetto di Lodi Marcello Cardona. Sulla linea nella notte erano stati fatti dei lavori di manutenzione ordinaria ciclica: un tipo di intervento che viene fatto internamente dai dipendenti di Rete ferroviaria italiana. L’intervento è avvenuto proprio nel punto in cui è sviato il treno. Ilfattoquotidiano.it ha potuto documentare come alle 4.45, al termine dei lavori, sia arrivato il via libera alla circolazione. La prima ipotesi a farsi largo tra gli uomini della Polfer che indagano sul disastro riguardo uno scambio lasciato in “falsa posizione” proprio al termine dei lavori: un intervento non eseguito correttamente su un deviatoio oleodinamico. A confermare che le indagini vanno in questa direzione è stato lo stesso procuratore Chiaro in conferenza stampa: “Sapete che ci sono state attività di manutenzione in quel tratto, stiamo cercando di capire quali attività sono state svolte e che tipo di nesso ci sia tra questa attività e il verificarsi del disastro. Quel treno è il primo che passava dal luogo dove sono avvenute le attività di riparazione”.

video di Giulia Zaccariello

“I lavori di manutenzione vengono fatti perché qualcosa si è rotto, se no non c’è motivo per essere lì alle 4 e mezza del mattino”, ha detto sempre il procuratore. “Se lo scambio fosse stato dritto per dritto – ha aggiunto Chiaro – il treno non sarebbe deragliato, non è difficile da capire. Non era nella posizione che doveva garantire la libera percorrenza del treno”, ha ribadito. Chiaro ha precisato che “era una parte dello scambio interessato dai lavori di manutenzione”. Quindi, si sta “verificando l’ipotesi dell’errore umano” legato ai lavori di manutenzione. Lavori che sono tutti registrati e annotati “in modo dettagliato”, ha aggiunto Chiaro. “Non so se è un servizio assegnato all’esterno, mi pare che fosse personale di Rfi“, ha precisato il procuratore di Lodi. Chiaro poi ha anche precisato che il locomotore “si è staccato dal resto del convoglio” che viaggiava “a 300 chilometri all’ora“. “Faremo le cose con la massima rapidità possibile e l’accertamento delle responsabilità in un Paese democratico si fa seguendo le regole“, ha concluso il procuratore.

video di Simone Bauducco

La dinamica dell’incidente – Secondo le forze dell’ordine la motrice del convoglio, dopo essere sviata dai binari per cause ancora da chiarire, sarebbe uscita completamente dalle rotaie finendo prima contro un carrello che si trovava su un binario parallelo, e poi contro una casa cantonale delle ferrovie, dove ha terminato la sua corsa, ribaltando anche la sua direzione, con la testa rivolta verso Nord (e non verso sud, direttrice del treno). La motrice è stata scagliata a una cinquantina di metri, dove ha sfiorato una postazione tecnologica, edificio che contiene gli apparati tecnici. Non appena è avvenuto il deragliamento del treno Frecciarossa sono scattati tutti i sistemi di sicurezza dell’alta velocità, bloccando i treni che stavano viaggiando in quel momento. I binari dell’alta velocità sono dotati di sensori di passaggio: nel caso non si liberino nel tempo previsto dal passaggio delle carrozze, inviano un segnale di allarme che automaticamente blocca il traffico. Ed è quando avvenuto questa mattina.

I feriti – A bordo del treno c’erano 33 persone. Era infatti il primo treno della giornata, meno affollato rispetto ai Frecciarossa che partono più tardi. Trentuno i feriti, che sono stati portati in ospedale: il più grave è un addetto alle pulizie di origine peruviana che ha riportato fratture multiple al femore: venerdì dovrebbe essere operato. Nella struttura sanitaria resta anche un passeggero con una frattura allo sterno che è in osservazione. Gli altri ricoverati sono stati tutti dimessi in serata, compreso il capotreno. Il prefetto di Lodi Marcello Maria Orione Cardona ha sottolineato l’importanza dei soccorsi che “sono arrivati nei tempi giusti, tenendo conto che siamo in aperta campagna. I vigili del fuoco hanno fatto un lavoro straordinario“. Sul posto sono arrivati 100 soccorritori e due elicotteri del 118 attrezzati per il volo notturno provenienti da Brescia e da Como e con 12 ambulanze, alle quali se ne sono poi aggiunte altre.

Per le indagini in campo Digifema – E’ in corso intanto un’inchiesta tecnica di Digifema, la Direzione generale per le investigazioni ferroviarie e marittime del ministero delle Infrastrutture e Trasporti, che ha l’obbligo di svolgere indagini a seguito di incidenti gravi per fornire raccomandazioni finalizzate al miglioramento della sicurezza ferroviaria e alla prevenzione di incidenti. Nel settore ferroviario, tutti gli eventi sottoposti ad investigazione da parte della DigifeMa, nella sua qualità di Nib- National Investigation Body, sono soggetti ad obbligo di notifica di apertura indagine all’Agenzia Europea Ferroviaria (Era) con l’inserimento delle informazioni nella banca dati Erail (European Railway Accident Information Links).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Papa Francesco ha congedato padre Georg Gaenswein, segretario di Ratzinger”. Vaticano: “Ordinaria ridistribuzione”

next
Articolo Successivo

Consorzio Venezia Nuova, interrogazione della Lega: “Sostituire due commissari straordinari, con loro i lavori sul Mose sono rallentati”

next