Altroché Junior Cally, il vero “incendiario” del Festival di Sanremo è Morgan. Il cantautore questa sera dovrebbe cantare con Bugo la cover di “Lontano dagli occhi”. Ma c’è il rischio che possa lasciare il compagno di avventura da solo sul palco. Alle 6 del mattino ai giornalisti della Sala Stampa dell’Ariston e al direttore di Rai Uno Stefano Coletta è arrivato il messaggio di un avvocato per conto di Morgan che denunciava una situazione delicata che avrebbe visto “vittima” proprio il cantautore: “Un calvario creato da reali ostacoli concretizzati in continue azioni di sabotaggio che porteranno alla situazione incresciosa che oggi, il giorno in cui dovrà andare in scena la cosa, non gli è stata concessa una sola prova”. La cosa è l’esecuzione di Lontano dagli occhi di Sergio Endrigo in duetto con Bugo, nella doppia e inedita veste di cantante e allo stesso tempo conduttore dell’orchestra”.

Il conduttore e direttore artistico del Festival, Amadeus, ha respinto le accuse al mittente: “Io ho visto le prove di Morgan, le ha fatte. Mi spiace per questa situazione e spero tutto rientri anche perché creerebbe un problema a Bugo”. Il direttore Stefano Coletta fa chiarezza: “Anche io sono alle 6 ho ricevuto il messaggio. Morgan chiede di fare tre prove sul pezzo e con delle condizioni. Da parte nostra c’è massima libertà c’è solo il problema che anche gli altri artisti oggi vorrebbero provare più possibile e si rischia di scontentare qualcuno. Cercheremo di fare il possibile”. Tutti e 24 gli artisti qualche settimana fa hanno già provato al Teatro Ariston la cover, quindi in realtà non sarebbe precisa l’informazione che “non gli è stata concessa una sola prova”.

Poi all’improvviso Morgan è comparso in platea al Teatro Ariston, durante le prove generali delle cover di questa sera, sorridente in prima fila, tra pacche sulle spalle. Insomma “can che abbaia non morde”, dice un vecchio detto. Mai come in questo caso fu vero. Cosa non si fa per far parlare di sé…

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanremo 2020, Rita Pavone sul palco con Amedeo Minghi cantano ‘1950’: la storia del brano legata alla moglie prematuramente scomparsa

next
Articolo Successivo

Sanremo 2020, la gola profonda dell’orchestra a FqMagazine: “Il pezzo di Junion Cally è uno dei più forti e ritmati. La botta di sonno? Marco Masini”

next