Nuovi record in Borsa per Tesla. Il gruppo delle auto elettriche guidato da Elon Musk sta volando a Wall Street: da inizio anno il valore dei titoli è raddoppiato, dai 430 euro del 2 gennaio ai 900 euro toccati martedì. La capitalizzazione di mercato è arrivata a 158,2 miliardi di dollari: più di Fca, Ford e General Motors insieme. Nella sola seduta di lunedì le azioni hanno guadagnato il 20%. A spingere le quotazioni sono le previsioni di uno degli azionisti di Tesla, l’ad di Baron Capital Ron Baron, secondo il quale il gruppo potrebbe raggiungere i 1.000 miliardi di dollari di ricavi entro dieci anni.

Nell’ultimo trimestre 2019 Tesla ha battuto le previsioni registrando 7,38 miliardi di dollari di ricavi, 1,39 miliardi di utile lordo e 105 milioni di utile netto. Il 2019 si è chiuso ancora in perdita, con 862 milioni di rosso, a causa dell’andamento del primo semestre. Secondo Catherine Wood, ad di Ark Invest, Tesla potrebbe arrivare a valere “tra i 700 dollari e i 4.000 dollari in cinque anni” nello scenario base, e in quello meno positivo il titolo arriverebbe comunque a 1.500 dollari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Inflazione, a gennaio lieve accelerazione: 0,6%. Nel paniere Istat entrano auto elettriche, sushi take away, monopattini ed estetista per uomo

next
Articolo Successivo

Commercio estero, nel 2019 export a +2,3% grazie all’aumento verso i Paesi extra-Ue. Trainano la farmaceutica e l’alimentare

next