Nuovi record in Borsa per Tesla. Il gruppo delle auto elettriche guidato da Elon Musk sta volando a Wall Street: da inizio anno il valore dei titoli è raddoppiato, dai 430 euro del 2 gennaio ai 900 euro toccati martedì. La capitalizzazione di mercato è arrivata a 158,2 miliardi di dollari: più di Fca, Ford e General Motors insieme. Nella sola seduta di lunedì le azioni hanno guadagnato il 20%. A spingere le quotazioni sono le previsioni di uno degli azionisti di Tesla, l’ad di Baron Capital Ron Baron, secondo il quale il gruppo potrebbe raggiungere i 1.000 miliardi di dollari di ricavi entro dieci anni.

Nell’ultimo trimestre 2019 Tesla ha battuto le previsioni registrando 7,38 miliardi di dollari di ricavi, 1,39 miliardi di utile lordo e 105 milioni di utile netto. Il 2019 si è chiuso ancora in perdita, con 862 milioni di rosso, a causa dell’andamento del primo semestre. Secondo Catherine Wood, ad di Ark Invest, Tesla potrebbe arrivare a valere “tra i 700 dollari e i 4.000 dollari in cinque anni” nello scenario base, e in quello meno positivo il titolo arriverebbe comunque a 1.500 dollari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Inflazione, a gennaio lieve accelerazione: 0,6%. Nel paniere Istat entrano auto elettriche, sushi take away, monopattini ed estetista per uomo

next
Articolo Successivo

Commercio estero, nel 2019 export a +2,3% grazie all’aumento verso i Paesi extra-Ue. Trainano la farmaceutica e l’alimentare

next