Il 19 gennaio la Gazzetta ufficiale del Qatar ha pubblicato un emendamento al codice penale, l’articolo 136bis – di fatto una vera e propria legge – che introduce nuovi pesanti limiti alla libertà d’espressione, oltre a quelli già previsti dalla Legge sulla stampa e sulle pubblicazioni del 1979 e da quella sui reati informatici del 2014.

Le nuove norme prevedono fino a cinque anni di carcere per “chi diffonda, pubblichi o ripubblichi notizie false o faziose, dichiarazioni, notizie o propaganda provocatorie all’interno o fuori dal paese, con l’intenzione di danneggiare l’interesse nazionale, infiammare l’opinione pubblica, violare il sistema sociale o il sistema pubblico dello stato”. La traduzione, letterale, evidenzia una definizione del tutto vaga o generica di cosa possa essere considerato “falso”, “fazioso” o “provocatorio” o possa “infiammare l’opinione pubblica”.

Il primo a farne le spese è stato il quotidiano al-Raya, non certo di opposizione: il giorno prima della pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale, l’edizione online del giornale ha pubblicato il testo della legge, senza alcun commento o editoriale. Neanche 24 ore dopo, al-Raya ha dovuto cancellare il testo, pubblicare delle scuse ed esprimere rincrescimento “per aver acceso una polemica”, ammettendo di essersi affidato a “una fonte non ufficiale e aver pubblicato senza verificare presso le autorità competenti”.

A meno di tre anni dall’inizio dei mondiali di calcio, che il Qatar ospiterà alla fine del 2022, le autorità dell’emirato del Golfo persico vogliono evitare ogni critica. E dire che nel 2018 il Qatar si era preso l’applauso mondiale per aver aderito al Patto internazionale sui diritti civili e politici, che garantisce all’articolo 19 il diritto di cercare, ricevere e diffondere opinioni e informazioni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carcere di Viterbo, il Comitato anti tortura del Consiglio d’Europa: “Provocazioni e violenze”. I detenuti: “C’è un gruppo punitivo di agenti”

next