Anche sforzandosi, non è facile. Intendo comprendere quanto debba essere insoddisfacente la vita di chi dedica a Nicolò Zaniolo, vent’anni, lo striscione di una carrozzina per alludere al suo infortunio tremendo. Oppure capire come può Napoli luminosa accettare che la sua parte più ricurva vomiti ininterrottamente bile e ignoranza su chi ha scelto di andare a lavorare – perché di questo si tratta, di lavoro – altrove, come hanno fatto Maurizio Sarri o Gonzalo Higuain. O che lo stesso accada nella sobria Torino con Antonio Conte.

Uno schifo abitudinario, stagnante, lecito. Agli ultras è concesso fare del razzismo più gutturale un coro, agli ultras è concesso augurare la leucemia a Sinisa Mihajlovic per le sue idee politiche.
Uomini piccoli, che nel calcio trovano sfogo alle frustrazioni abbondanti, nel gruppo l’identità che balbettano, nella curva la loro porcilaia.

Ma non è l’unica cosa che, anche sforzandosi, si fatica a comprendere. L’altra, ancora più incredibile, è come possa tutto ciò essere tollerato. Come possono uno Stato intero, i milioni di amanti del calcio, i professionisti del pallone, tutti i governi che rotolano l’uno dietro l’altro e soprattutto gli stessi ultras dotati di buonsenso accettare questa vergogna. Nessun intervento netto, nessuna legge veramente risolutiva, nessuna pena puntuale per ogni singolo, stupido colpevole nonostante le curve siano gonfie di telecamere e i biglietti nominali. Afferrarli per il colletto e cacciarli via: no, al massimo prese di distanza isolate, e per questo sconfortanti.

Gli impianti vecchi, la comodità delle pay-tv, i prezzi dei biglietti: ipotesi del perché stranamente la gente si allontani dallo stadio; come se non fosse lampante lo sporco che si annida nelle sue parti curve. Ultras talmente intoccabili da arrogarsi il diritto a considerarsi l’unico vero tifo. Che poi, guarda caso, è anche il nome di una malattia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Kobe Bryant, l’ex stella Nba gioca a basket con la figlia Gigi nella palestra di casa: il video

next
Articolo Successivo

Kobe Bryant, le squadre restano col pallone in mano per 24 secondi: il tributo di Toronto Raptors e San Antonio Spurs al Mamba

next