Come faccio a spiegare ai miei figli la Shoah? Non esiste un’età, non esiste un solo modo, né un solo giorno. L’opposizione all’antisemitismo, l’educazione alla resistenza, all’antifascismo è nella quotidianità e fa parte di quell’educazione che si trasmette fin dalla nascita ogni giorno: come si insegna a dire grazie, prego e per favore, come si insegnano i numeri e l’alfabeto, noi abbiamo trasmesso ai nostri figli il valore della memoria nella naturalezza delle cose.

Non li abbiamo convocati un bel giorno per spiegargli cosa fosse accaduto allora – solo perché magari era ormai giunta l’età. Glielo abbiamo raccontato facendogli leggere il mondo in cui vivono, i fatti e le loro stesse giornate attraverso la lente della nostra storia, attraverso rimandi continui tra ieri e oggi.

Ed è così che nella Giornata della memoria per loro non ci sono parole in più da trovare o modi diversi per spiegare l’inenarrabile, per loro è così e basta, naturale come l’aria. Perché la memoria non è passato, ma cura del presente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Coronavirus cinese non è l’unico veleno che infetta e isola le persone

next
Articolo Successivo

Giornata della Memoria: le ‘bambole rotte’ di Michele Soavi mi ricordano le parole di Primo Levi e Liliana Segre

next