Le deputate dell’Intergruppo per le donne, i diritti e le pari opportunità stigmatizzano quanto affermato da Amadeus nel corso della conferenza stampa di presentazione del prossimo Festival di Sanremo“. Inizia con queste parole la lettera pubblicata da Repubblica che è firmata da 29 deputate di tutti gli schieramenti: la richiesta fatta ad Amadeus è quella di scusarsi pubblicamente per quanto detto durante la conferenza stampa della 70esima edizione del festival di Sanremo. “Risulta del tutto incomprensibile che – attraverso le parole del direttore artistico e conduttore della più importante manifestazione musicale del paese – il servizio televisivo pubblico promuova un modello diseducativo di donna bella e disposta a occupare ruoli di secondo piano per non fare ombra al proprio compagno famoso. È lo specchio di una cultura secondo cui la donna non deve avere meriti particolari, se non quello di essere di bell’aspetto e di saper stare “un passo indietro””, si legge ancora. Nella lettera si fa riferimento anche al fatto che le altre co-conduttrici non abbiano preso le distanze da queste affermazioni. E si parla del rapper Junior Cally: “In aggiunta a tutto questo, poiché tra i cantanti in gara è prevista la presenza del rapper per ragazzini Junior Cally, i cui testi – come già evidenziato alla Rai da molte associazioni di donne – sono pieni di violenza, sessismo e misoginia, appare evidente che la direzione artistica del Festival di Sanremo 2020 sia in palese contrasto con il contratto di servizio della Rai”. La missiva è indirizzata alla commissione di Vigilanza sulla Rai, all’amministratore delegato Fabrizio Salini, al cda Rai e all’Usigrai. Tra le 29 firmatarie Laura Boldrini a Marianna Madia (Pd), da Rossella Muroni (Leu) a Vita Martinciglio (M5S), da Veronica Giannone (Misto) a Maria Teresa Baldini (Fratelli D’Italia) e Lisa Noja (Italia viva).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili