La Corte europea dei diritti umani ha ritenuto l’Italia colpevole per violazione del diritto alla libertà d’espressione dei giornalisti Renzo Magosso e Umberto Brindani. Nel 2004 i due avevano pubblicato su Gente un articolo sull’omicidio di Walter Tobagi, in cui si sosteneva che i carabinieri sapevano da tempo che il giornalista era nel mirino dei terroristi. Per questo erano stati condannati in via definitiva per diffamazione. Condanna che secondo la Corte ha violato appunto la libertà d’espressione dei due, diritto tutelato dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo.

Tobagi, giornalista del Corriere della Sera, fu ucciso nel 1980 dai terroristi della Brigata 28 Marzo, un gruppo armato di estrema sinistra. Per i giudici di Strasburgo, la condanna dei due giornalisti ha interferito in maniera “sproporzionata” con il diritto alla libertà di espressione, cosa “non necessaria in una società democratica”. La Corte ha quindi condannato l’Italia a pagare a ciascuno dei due 15mila euro per danni morali e 3.500 euro congiuntamente per le spese legali. La sentenza della Corte diverrà definitiva fra tre mesi se le parti non ricorreranno in appello.

L’articolo in questione si basava su interviste. Per la Corte, deve essere fatta una distinzione tra le dichiarazioni del giornalista e quelle rilasciate da altri soggetti, citati e virgolettati. Per i giudici, i magistrati italiani non hanno fatto la dovuta distinzione tra le dichiarazioni dello scrittore dell’articolo, Renzo Magosso (Umberto Brindani era direttore del settimanale), e quelle fatte da terzi, in particolare quelle di D.C., che erano virgolettate nel pezzo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nomine Rai, il consiglio di amministrazione si spacca: parere favorevole per 4 direttori su 8, Salini va sotto su Rai2 e Rai3

next
Articolo Successivo

Le diffamazioni online sono all’ordine del giorno. Ma per bloccare certe condotte servirà tempo

next