Donald Trump è a Milwaukee, in Wisconsin, per un comizio insieme al suo vice Mike Pence. A un certo punto, il presidente degli Stati Uniti viene contestato (non si sa se da un gruppo di persone o da una persona sola). Sta di fatto che Trump ironizza sulla ragazza protagonista delle critiche: “Ora andrai a casa e passerai dei guai. Ti garantisco che tua mamma ha votato per me. E farà lo stesso da qui ai prossimi dieci anni, quando correrò ancora per le presidenziali”.

Alla seconda contestazione, invece, l’inquilino della Casa Bianca ne approfitta per parlare delle proteste di Teheran: “Avete visto? Per la prima volta sono tutti dalla nostra parte. Ci amano. Qassem Soleimani? A causa sua ci sono uomini e donne che vanno in giro senza gambe e senza braccia. Quel figlio di p…”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Iran, Trump: “Soleimani mostruoso terrorista e figlio di puttana. La sua vita è stata misera”

next
Articolo Successivo

‘La guerra mondiale non ci sarà. Ma il Mediterraneo non esiste’. Conversazione con Lorenzo Trombetta (Beirut)

next