In principio ci fu quella con l’ananas, poi quella con la banana e infine ora quella con i kiwi. L’ultimo “scempio” alla pizza margherita arriva dalla Svezia, dove un uomo – tale Stellan Johansson – ha pubblicato su Facebook l’immagine della sua cena domenicale con una pizza con prosciutto, mozzarella e kiwi. L’immagine è stata subito ricondivisa su un gruppo Reddit dedicato alle più improbabili astrusità culinarie ed è diventata ben presto virale sui social, scatenando le polemiche.

In molti l’hanno definita infatti un “abominio contro natura” ma non solo: “Questo mi fa essere irragionevolmente arrabbiato”, ha commentato qualcuno; “credo di essere appena diventato cieco“, ha aggiunto un altro; “questa è la brutta china derivante dall’aver sdoganato l’ananas“; e ancora c’è chi si chiede “in che mondo viviamo?”. Eppure, tra i tanti commenti negativi, c’è anche chi si è detto disposto ad assaggiarla perché incuriosito dalla novità: “Non mi dispiacerebbe provare la combinazione“,”sarei curioso di sapere se ha il sapore che mi immagino, che non mi sembra affatto male“, “metteteci anche della carne salata e scommetto che diventa deliziosa“. In ogni caso, il signor Johansson ha tenuto a far sapere di aver gradito molto la pizza – “è buona“, ha detto – rivendicandone la paternità: per averla ha dovuto portare al pizzaiolo i kiwi da casa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bruno Arena, dopo l’aneurisma cerebrale torna al cinema con i Fichi d’India

next
Articolo Successivo

Mario Salieri: “Sesso ascellare? Sì, nel settore si chiama termometro. Nei miei film ci sono diverse scene”

next