“La madre di tutti i rischi è il fatto che in Italia abbiamo preso l’abitudine di giocare con la Costituzione e con le regole fondamentali come strumenti per la politica quotidiana. Stiamo usando la legge elettorale, che dovrebbe essere uno strumento tecnico, per attuare scelte politiche”. Lo ha detto a La regola del gioco, l’approfondimento di Sky Tg24 sull’importanza che la legge elettorale ha per la democrazia del Paese, il presidente emerito della Corte Costituzionale, Giovanni Maria Flick. “Mi fa paura – ha aggiunto Flick – che il ritorno alla Costituzione, non come un ritorno al passato ma come un’apertura per il futuro, finisca con identificarsi in concreto con un ritorno a un sistema elettorale proporzionale puro, che andava bene in passato e forse adesso non va più bene”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mattia Santori (Sardine): “No a 20 anni di Salvini. Governo? Serve discontinuità. Noi diversi geneticamente da M5s”

next
Articolo Successivo

Paragone: “Di Maio? Non si dimetterà. Io e Di Battista faremo insieme qualcosa di culturale che si richiama alle origini del M5s”

next