Un ragazzo di 20 anni ha danneggiato volontariamente un Picasso da 20 milioni di sterline alla Tate Modern Gallery di Londra. L’autore del gesto, Shakeel Massey, resterà in custodia cautelare fino alla prima udienza fissata per il 30 gennaio, ma ha già detto che respingerà tutte le accuse. La Galleria non ha dato ulteriori dettagli sulle condizioni del quadro.

L’opera rovinata è il “Busto di donna“, un ritratto dell’amante di Picasso Dora Maar dipinto a Parigi nel maggio del 1944, durante gli ultimi mesi dell’occupazione nazista. L’episodio, reso noto dalla Bbc, è avvenuto il 28 dicembre. La Polizia metropolitana di Londra ha dichiarato che “gli investigatori hanno incriminato un uomo”, il ventenne Shakeel Massey, con l’accusa di aver provocato uno strappo nella tela, per ragioni ancora sconosciute. Un portavoce della Galleria ha detto: “L’opera d’arte è nelle mani di un team di esperti restauratori, che stanno valutando il da farsi. La Tate Modern rimane aperta”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trentino, si lancia da Cima Capi e finisce contro i cavi dell’alta tensione: muore base jumper

next
Articolo Successivo

Luca Parmitano e Jovanotti si scambiano gli auguri con una videochiamata. L’astronauta dallo spazio: “Buon 2020 pieno di progetti”

next