In Italia un dirigente guadagna in media circa 220mila euro. Ma gli amministratori delegati delle società arrivano a 849mila euro medi, con un massimo di circa 6 milioni. La cifra scende però a 474mila euro se il manager è donna. I compensi sono particolarmente elevati nel settore assicurativo rispetto a quello bancario e industriale. Sono i dati dell’ultimo rapporto di Mediobanca sulle remunerazioni dei board delle società italiane, che prende in considerazione i compensi 2018 di 230 imprese con sede in Italia quotate al Mercato telematico azionario. Complessivamente sono state raccolte informazioni su oltre 3.500 amministratori, direttori generali e sindaci. Viene analizzato anche il rapporto fra la retribuzione dei vertici delle società e il costo medio del lavoro e il ruolo delle donne, che risultano sottorappresentate e pagate meno degli uomini.

I presidenti guadagnano mediamente 458mila euro, fino a un massimo di 7 milioni, mentre la paga è di circa la metà per i vicepresidenti. I compensi dei semplici consiglieri sono nettamente inferiori rispetto a dirigenti di grado superiore e si aggirano intorno ai 77mila euro in media. Il 22% delle posizioni percepisce anche una retribuzione non fissa. La componente variabile dello stipendio è pari ad appena il 36% per la media dei dirigenti, ma aumenta a circa la metà del compenso se si considerano i soli amministratori delegati.

Lo studio esamina anche il rapporto tra la paga dei dirigenti e il costo medio del lavoro dell’impresa. Questo dato, tuttavia, si può raffrontare solo parzialmente con quello dei dirigenti e i rapporti ottenuti “devono considerarsi mediamente sottostimati”. Il multiplo più alto è relativo all’amministratore delegato, che in media guadagna 14,4 volte un dipendente, con un massimo pari a 114,2 volte. In seconda posizione per compenso relativo vi è il presidente del consiglio di amministrazione, che in media guadagna 8,5 volte un dipendente, con un massimo pari a 92,7 volte. Nel complesso il rapporto tra compensi totali dei vertici e costo medio del lavoro è di 183,4.

Le disuguaglianze di retribuzione aumentano significativamente se ci si limita alle imprese a maggiore capitalizzazione. Con riferimento a quelle che a fine 2018 avevano un valore di Borsa superiore a 1 miliardo di euro, si ottiene che la paga dell’amministratore delegato sale a 24,4 volte quello di un dipendente medio, quello del presidente del cda a 9,9 volte. Rispetto alle rilevazioni dell’anno scorso, le disuguaglianze restano in media stabili, ma è da notare che lo stipendio relativo del presidente e dell’amministratore delegato è in calo.

La presenza femminile varia a seconda della carica esaminata e si riduce notevolmente nelle posizioni di vertice. Solo l’8,1% degli amministratori delegati sono donne, mentre il dato sale al 10,7% nel caso della presidenza del consiglio di amministrazione e al 18,2% per la vicepresidenza. La quota femminile è più alta con riferimento alla funzione di consigliere (42,2%) e tocca il proprio massimo nella carica di sindaco effettivo (43,2%). Anche i compensi vedono sfavorite le donne, che in media fra i dirigenti guadagnano un quarto degli uomini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sugar e plastic tax, Coca-Cola minaccia chiusure: “Dovremo pagare 160 milioni”. E’ l’80% del gettito totale atteso dallo Stato

next
Articolo Successivo

Crac banche, da Carige a Vicenza il conto lo pagano sempre i risparmiatori. Per i manager tempi lunghi e la carta della prescrizione

next