Finalmente una “lingua” autentica, un romanzo che respira, coinvolge, diverte, commuove, oltre ogni ragionevole dubbio. Il treno dei bambini (Einaudi) è il terzo libro di Viola Ardone – sui primi due titoli è calato un silenzio tombale – ed è proprio come dice lei: inizio a scrivere quando una voce mi parla. A sussurrarle un anelito di vita che sembra dell’altro ieri è un bimbetto napoletano di otto anni, Amerigo, che nel 1946 lascia il suo rione per salire al Nord.

La mamma single ha accettato le sirene del Partito Comunista: far svernare al settentrione per un po’ di tempo i bimbi meno abbienti del Sud. Avvolto nell’ombra di mamma, ossessionato letterariamente dalle scarpe (bucate, nuove, comode, strette), attorniato da un’allegoria di figure femminili (la Pachiochia e la Zandragliona), Amerigo finirà a Bologna, per puro caso di nuovo con una donna single come madre, si lustrerà gli occhi modello Rocco e i suoi fratelli quando vedrà per la prima volta la neve, imparerà a suonare il violino. E quando tornerà a Napoli “spezzato in due metà” non tutto sarà come prima. Il treno dei bambini è un sollievo per l’anima in punta di penna. Scrittura agile in prima persona, ricca a livello lessicale, generatrice di un verace dialetto partenopeo (l’uso del verbo stare e tenere, l’aggettivo dopo il sostantivo), anche se “fiol” a Bologna non l’ha mai detto nemmeno una rondine di passaggio. Si butta giù in un paio d’ore. Serio candidato allo Strega 2020. Voto: 7+

Lo scaffale dei libri, la nostra rubrica settimanale: diamo i voti, da Fabio Volo a Roberto Calasso e Massimo Carlotto

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nuoro, quel debito di riconoscenza verso Grazia Deledda che ora verrà ripagato

next
Articolo Successivo

‘Morte accidentale di un anarchico’, ovvero come rispondere alle bombe con la satira

next