Ingannare e “truffare” le aziende che si affidano agli influencer per fare pubblicità ai loro prodotti? È facilissimo. Ne sa qualcosa il 26enne Federico Spinelli, esperto di marketing che ha voluto fare un esperimento piuttosto curioso. Il ragazzo ha indossato una maschera verde a led e ha creato un account su Instagram chiamato Misterious Guy. “In tre mesi ho raccolto 90mila followers e mi sono state offerte collaborazioni per 3mila euro”, ha raccontato lui al settimanale Oggi.

Ma il suo sogno non era certo diventare un influencer di successo. Al contrario. “Un anno fa mi sono accorto che su Instagram tantissimi profili gonfiavano artificiosamente il numero di followers, i “like” e le visualizzazioni per poter essere presi in considerazione da aziende o agenzie di comunicazioni. Truccare questi numeri era ed è facilissimo tramite servizi on line che creano finti utenti in grado di interagire con un profilo. Insomma, si paga per avere un numero gonfiato rispetto alla realtà”. Così è nata l’idea di fingersi influencer e “gonfiare i propri numeri su Instagram per truffare le aziende”.

In realtà non c’è stata nessuna truffa effettiva perché Spinelli non ha accettato una sola proposta, il suo era solo un esperimento. Ma di proposte gliene sono arrivate tante. “A Mysterious Guy hanno proposto orologi da polso, accessori per macchine fotografiche, cavalletti o luci e accessori tipo capellini, collane, anelli da uomo. E, cosa che ci ha un po’ sconvolto, gioielli da donna”, ha dichiarato. La morale? Avere tanti followers sui social è un po’ come essere ricchi al Monopoli.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Serena Guatta, la donna che vive di sconti e fa spese (e vacanze) gratis: ecco la sua storia

next
Articolo Successivo

Lupin III – The First, in Giappone scoppia la mania: persone travestite da Lupin, Fujiko, Goemon e Jigen ovunque. E si moltiplicano le denunce per furto

next