La “sfida” tra Meghan Markle e Kate Middleton adesso si gioca a colpi di organizzazioni benefiche: secondo quando riporta il Telegraph, la Duchessa di Sussex userà le sue vacanze di Natale a mettere in piedi la charity foundation che porterà il suo nome e quello del marito, e promette che sarà “una delle più grandi e più potenti organizzazioni del mondo“.

Il periodo “sabbatico” concesso per le festività natalizie a casa Windsor è di sei settimane: ma a Meghan, dicono i beninformati, non piace stare con le mani in mano e investirà il suo tempo nella creazione di una nuova organizzazione benefica. La decisione è stata presa dopo l’allontanamento dalla Royal Foundation, fondata dal principe William e dal principe Harry nel 2009, guidata ora da William e Kate. Dopo la separazione delle due coppie reali, Meghan e Harry hanno deciso di creare un ente tutto loro.

Per farlo, si sono affidati a una nota pr di Hollywood, Keleigh Thomas Morgan, che curava le pubbliche relazioni di Meghan durante la sua carriera di attrice e che oggi lavora per lo studio Sunshine Sachs. Il piano della duchessa è di sfruttare la sua importante rete di contatti negli Stati Uniti – attori, celebrità, grandi nomi dello showbusiness – e raccogliere quanti più fondi. Tra gli amici “famosi” e facoltosi della Duchessa ci sono anche George e Amal Clooney, la coppia d’oro di Hollywood, e Oprah Winfrey, la regina della tv a stelle e strisce.

“Meghan sta lavorando a questo progetto da tantissimo tempo – ha detto una fonte anonima al Telegraph – la vede come l’occasione di costruire un’eredità come il nuovo volto della royal family, con Harry al suo fianco”. Keleigh Thomas Morgan, che oltre a essere un’influente pr è una grande amica di Meghan (era anche alle sue nozze) pare stia lavorando in gran segreto già da mesi come consulente d’immagine della duchessa. Quel che è certo è assunta per trasformare il progetto della charity foundation in realtà: dovrebbe essere annunciata alla fine della prossima primavera.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Alba Parietti contro Giampiero Mughini: “Sputtana gli altri senza motivo”

next
Articolo Successivo

Alessandra Mussolini, la battuta piccante a Giuseppe Brindisi in diretta al Tg4: “Monello, ti voglio nudo sul calendario”

next