“Altro che nuova destra, Matteo Salvini è un enorme ‘Gattopardo‘. Se cade il governo Conte 2 e vince un esecutivo di centrodestra ‘Salvusconi’ o ‘Salveloni’ (con il presidente di Forza Italia o la leader di Fratelli d’Italia, ndr) ci ritroveremo con le stesse persone del ’94”. A rivendicarlo è Andrea Scanzi, giornalista del Fatto Quotidiano, presentando a Roma il suo ultimo libro, ‘Il Cazzaro Verde’, con protagonista il segretario della Lega, alla rassegna d’editoria ‘Più libri più liberi‘. Un lavoro che segue i bestseller Renzusconi e Salvimaio, con il quale Scanzi tratteggia con il suo stile irriverente e ironico le politiche e le ‘vecchie’ idee (“Quando esistono…”, ironizza) del leghista. “Salvini non è il nuovo Mussolini, se viene demonizzato viene elevato a ‘Il grande cattivo’. Ma spesso nei film il cattivo piace. In realtà è soltanto un fanfarone”, rivendica. “Non mi fa paura, ma soltanto ridere”, sottolinea Scanzi. Ricordando le sue gaffe e mostrando pure tutte le incongruenze di una politica fatta di slogan, spesso senza contenuti e ricca di contraddizioni. Senza dimenticare il suo anno di governo, tra la violenza nella gestione dei flussi migratori quando era a capo del Viminale nel primo governo Conte, ma anche il clamoroso autogol estivo che gli è costato lo stesso incarico.
Eppure, tra tensioni interne nella maggioranza di governo e consensi che restano alti, Salvini rischia di essere presto a capo di un futuro esecutivo: “L’unico modo di evitare un governo Salvusconi è che le forze di governo smettano di litigare: lo dico soprattutto a Di Maio, a parte del Pd e a Italia Viva di Matteo Renzi, quello che vorrebbe essere l’alter ego di Salvini”. È convinto Scanzi che, forza di ‘bombardare Conte’, prima o poi l’esecutivo “rischi di cadere”. E non mancano gli attacchi rivolti allo stesso leader di Iv, Matteo Renzi: “Lui e Salvini sono due facce della stessa medaglia. Basta vedere gli attacchi comuni alla magistratura“, ha continuato Scanzi. Per poi ironizzare su Salvini: “Quando deve rispondere in modo chiaro, scappa. Se diventerà premier, lo chiamerò presidente del coniglio”
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sondaggi, un elettore su quattro voterebbe le Sardine. La Lega è sotto il 30%: persi 6 punti in 5 mesi. Boom Fdi, i renziani sotto il 4%

next
Articolo Successivo

Ilva, il ministero dello Sviluppo: “Nessuna lettera di Mittal. Non si parla di transazione”. Uilm: “Conte e Patuanelli chiariscano”

next