“Altro che nuova destra, Matteo Salvini è un enorme ‘Gattopardo‘. Se cade il governo Conte 2 e vince un esecutivo di centrodestra ‘Salvusconi’ o ‘Salveloni’ (con il presidente di Forza Italia o la leader di Fratelli d’Italia, ndr) ci ritroveremo con le stesse persone del ’94”. A rivendicarlo è Andrea Scanzi, giornalista del Fatto Quotidiano, presentando a Roma il suo ultimo libro, ‘Il Cazzaro Verde’, con protagonista il segretario della Lega, alla rassegna d’editoria ‘Più libri più liberi‘. Un lavoro che segue i bestseller Renzusconi e Salvimaio, con il quale Scanzi tratteggia con il suo stile irriverente e ironico le politiche e le ‘vecchie’ idee (“Quando esistono…”, ironizza) del leghista. “Salvini non è il nuovo Mussolini, se viene demonizzato viene elevato a ‘Il grande cattivo’. Ma spesso nei film il cattivo piace. In realtà è soltanto un fanfarone”, rivendica. “Non mi fa paura, ma soltanto ridere”, sottolinea Scanzi. Ricordando le sue gaffe e mostrando pure tutte le incongruenze di una politica fatta di slogan, spesso senza contenuti e ricca di contraddizioni. Senza dimenticare il suo anno di governo, tra la violenza nella gestione dei flussi migratori quando era a capo del Viminale nel primo governo Conte, ma anche il clamoroso autogol estivo che gli è costato lo stesso incarico.
Eppure, tra tensioni interne nella maggioranza di governo e consensi che restano alti, Salvini rischia di essere presto a capo di un futuro esecutivo: “L’unico modo di evitare un governo Salvusconi è che le forze di governo smettano di litigare: lo dico soprattutto a Di Maio, a parte del Pd e a Italia Viva di Matteo Renzi, quello che vorrebbe essere l’alter ego di Salvini”. È convinto Scanzi che, forza di ‘bombardare Conte’, prima o poi l’esecutivo “rischi di cadere”. E non mancano gli attacchi rivolti allo stesso leader di Iv, Matteo Renzi: “Lui e Salvini sono due facce della stessa medaglia. Basta vedere gli attacchi comuni alla magistratura“, ha continuato Scanzi. Per poi ironizzare su Salvini: “Quando deve rispondere in modo chiaro, scappa. Se diventerà premier, lo chiamerò presidente del coniglio”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sondaggi, un elettore su quattro voterebbe le Sardine. La Lega è sotto il 30%: persi 6 punti in 5 mesi. Boom Fdi, i renziani sotto il 4%

next
Articolo Successivo

Ilva, il ministero dello Sviluppo: “Nessuna lettera di Mittal. Non si parla di transazione”. Uilm: “Conte e Patuanelli chiariscano”

next