Decine di migliaia di persone di tutto il mondo hanno partecipato alla grande marcia per il clima a Madrid assieme all’attivista svedese Greta Thumberg. In testa alla manifestazione, che si è snodata dalla stazione di Atocha fino al centrale Paseo del Prado, c’era un gruppo di nativi latino americani. “Domani sarà troppo tardi” si leggeva su molti dei cartelli dei manifestanti venuti nella capitale spagnola per far pressione sui partecipanti alla conferenza sul clima dell’Onu, la Cop25, che durerà fino al 13 dicembre. “Stiamo scioperando da un anno ma chi governa ignora ancora la crisi climatica” aveva detto Greta Thunberg parlando alla stampa, dopo essere arrivata a Madrid. “Andiamo avanti con la nostra azione, sperando che da Cop25 venga fuori qualcosa di concreto”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cile, il sindaco di Valparaìso mi spiega: ‘La violenza di piazza è una trappola politica. Ora il movimento passi alla proposta’

next
Articolo Successivo

Uk, i mercati iniziano a farsi piacere Boris Johnson e la Brexit: l’alternativa li terrorizza ancora di più

next