“Perché Giorgia Meloni e Matteo Salvini dicono che la canzone ‘Bella Ciao’ cantata dai commissari europei è ‘uno spettacolo indecente e scandaloso’? Non lo so, forse perché ci sono dei rigurgiti. È evidente che questa canzone possa dar fastidio solo a chi ha ancora sulla pelle pulsioni fasciste. Altrimenti questa canzone non può dare fastidio a nessuno. Se invece sei fascista, questa canzone ti dà sicuramente fastidio“. Così, a Tagadà (La7), il ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia, dopo aver intonato ‘Bella Ciao’ in studio, commenta le affermazioni indignate della presidente di Fratelli d’Italia e del leader della Lega su quanto è avvenuto ieri all’interno dell’aula dell’Europarlamento di Strasburgo, dopo il via libera definitivo alla Commissione Ue guidata da Ursula von der Leyen.

E aggiunge: “Giorgia Meloni e Matteo Salvini sono due ragazzi che vivono nelle viscere della società italiana. Prendono alcune cose quando conviene a loro, altre cose fanno finta di non vederle. La canzone ‘Bella ciao’ è un inno non solo alla Resistenza, ma alla difesa dei diritti degli italiani, perché, se oggi siamo qui, è per quello che è stato fatto in quegli anni. Quella canzone è patrimonio della Repubblica italiana, non dei comunisti. La cantavano i partigiani, ma in realtà questa canzone si diffonde dopo la manifestazione di Praga nel 1947″.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Prescrizione, Delrio: “Capisco Di Maio ma no a bandierine e ricatti, c’è un tavolo aperto. Pd non resta al governo a tutti i costi”

next
Articolo Successivo

Sallusti al leader delle Sardine: “Oltre a dire che Salvini è str***, cosa pensate?”. “Ha gli occhi foderati di prosciutto”

next