Ha picchiato, sparato e poi trascinato lunga la strada il suo cane, legato a una catena. E’ accaduto a Chantada, nella regione della Galizia, in Spagna. A vedere tutta la scena è stato un automobilista che ha visto l’anziano cacciatore usare violenza contro la sua cagnolina, che aveva partorito 15 giorni prima. L’uomo ha filmato l’accaduto e l’associazione animalista Libera si è subito mossa, insieme a un’altra associazione, Mundo Vivo, dalla quale sono arrivate notizie che in un primo momento sembravano lasciare qualche speranza: “State chiedendo in molti delle condizioni di questa cagnetta e vi ringraziamo per questo. La Guardia Civil non ci permette di dare troppe informazioni, possiamo solo dirvi che è ancora in gravi condizioni ed è alle prese con varie medicazioni. Ha delle lesioni alla testa preoccupanti e dovrà essere visitata da un chirurgo, incrociamo le dita affinché possa riprendersi”. La cagnolina però non ce l’ha fatta ed è proprio Mundo Vivo a comunicarlo con un post.

Nel video girato dall’uomo che ha assistito alla scena, si sente l’anziano dire: “Sono un cacciatore sparo a chi c***o mi pare”. È stato proprio dopo questa risposta che l’automobilista ha chiamato le associazioni animaliste che hanno recuperato l’animale, lasciato sul bordo della strada. I fatti sono accaduti sabato 30 novembre. I cinque cuccioli si trovano al sicuro in una struttura veterinaria. Intanto il partito animalista spagnolo, il Pacma, chiede pene più severe per chi usa violenza contro gli animali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Famiglia scappa dalla casa in fiamme, bimbo sfugge ai genitori e rientra per salvare il loro cane: trovati morti l’uno accanto all’altro

next
Articolo Successivo

Narwhal minacciato di morte: nessuna adozione per il cucciolo di “cane unicorno”

next