Due anni fa durante un’intervista al Fattoquotidiano.it Giovanni Veronesi aveva parlato di Francesco Nuti come di “secondo fratello” ma allo stesso di “nota dolente”. Ieri durante il programma su Rai 2 “Maledetti amici miei” Veronesi ha dedicato all’attore e regista toscana le parole sofferte di un amico che affronta da tempo una vita molta diversa da quella fatta di successi e risate: “Io e te, Francesco, saremo sempre amici e niente ci separerà. Nessun’avversità potrà separarci, perché io mi chiamo vento nei capelli e tu Francesco. E noi siamo amici per sempre”.

Poi il regista e sceneggiatore, seduto su una panchina, accompagnato da un chitarrista ha cantato una serenata sotto la finestra della clinica dove si trova di Francesco Nuti. La canzone è “Pupp’a pera”, presente nel suo film Madonna che silenzio che stasera. Sulla panchina c’era anche Ginevra Nuti.

Foto di archivio

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Essere italiani fa male alla salute”: la Bbc prende in giro gli italiani e i loro malanni, dal “colpo d’aria” alla “cervicale”

next
Articolo Successivo

“Trottolino amoroso, du du da da da”, Amedeo Minghi canta “Vattene amore” in Senato e “conquista” la presidente Casellati

next